BLOG

Europa, il dovere della verità

Imprenditore
Europa, il dovere della verità

Mentre si sta discutendo come far ripartire il campionato di calcio nostrano, fermo come tutto il Paese da mesi, assistiamo alla disputa tra i governi d’Europa, consci che la nostra squadra non è in grado di esprimere in campo il reale valore della Nazione, ferita, ma pronta a rimettersi in piedi e disputare la partita della vita, per afferrare l’occasione unica della rinascita. In uno scenario europeo di tutti contro tutti, le contrapposizioni della politica, tipiche delle tifoserie, certamente non contribuiscono al clima di serenità e unità necessario ad ottenere da Recovery Plan e MES il massimo risultato possibile.

Il futuro dell’Italia è legato agli esiti delle trattative europee, così come la vita economica di milioni di nostri concittadini dipende dalla capacità della politica di ottenere, senza condizioni capestro, i fondi che ci spettano. Abbiamo bisogno di certezze e concretezza, oggi più che mai.

Le erogazioni UE sono condizionate ad un piano di utilizzo trasparente , oggi assente, e di una strategia chiara volta al rilancio del sistema Italia che possa fungere da moltiplicatore di ricchezza universale. Dalla politica oggi pretendiamo il coraggio di dire basta all’assistenzialismo ed alle promesse elettorali, perché il Paese ha estremo bisogno di una visione di futuro condivisa, la nostra, che ci porti nuovamente ad essere leader della nuova Unione Europea che si configurerà nell’era post Covid.

Su queste basi, chiediamo a Giuseppe Conte di difendere non il testo che circola da qualche giorno, ma il testo finale che dovrà uscire dal decisivo Consiglio Europeo del 19 giugno. Non possiamo permetterci infingimenti e demagogia. Il tempo delle illusioni è finito.

Contenuti sponsorizzati

Commenti


SCOPRI TUTTI GLI AUTORI