Prende il via a Napoli la Cop21 dei ministri dell’Ambiente dei Paesi del Mediterraneo. In contemporanea sono iniziati gli appuntamenti collaterali promossi da Connect4Climate, campagna della Banca Mondiale, supportata dal Ministero per l’ambiente e la tutela del mare e del territorio, con il sostegno di Cop21 – Napoli, Let’s do It! Italy, Un Environment programme, Regione Campania, Comune di Napoli. L’appuntamento a Napoli è stato sulla lunga spiaggia di San Giovanni a Teduccio, una delle più sporche e malandate dell’litorale partenopeo. In 250 si sono presentati con guanti sacchi e rastrelli alla mano per la colossale azione di pulizia e di riqualificazione della spiaggia libera di vicoletto Municipio (nei pressi della biblioteca Labriola). Durante l’azione sono stati raccolti 20 sacchi di multimateriale, 25 bidoni e boe, 30 sacchi di indifferenziato ed alcuni pneumatici.

Oltre al cleanup c’è stata la riqualificazione delle panchine presenti ed il ripristino della doccia che si trova in spiaggia. Il musicista Maurizio Capone ha tenuto un laboratorio sul riutilizzo del materiale raccolto attraverso una performance musicale. Il musicista, noto per il riutilizzo della spazzatura in chiave di strumenti musicali, ha suonato insieme al Ministro per l’Ambiente Sergio Costa che ha partecipato all’evento. Anche per lui è stato impossibile resistere al ritmo e ha iniziato a suonare con le bottiglie di plastica.

Durante l’azione c’è stata anche un’operazione dimostrativa di rimozione del marine litter su uno straordinario ecosistema Marino, il Banco di San Giovanni, condotta dalla Stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli (SZN) e la Fondazione Dohrn in collaborazione con il WWF e con la partecipazione dei Nuclei Subacquei della Capitaneria di Porto e delle Guardie Ambientali e di Eurosub Diving.

Green Tech Solution ha presentato una tecnologia innovativa per la pulizia delle acque con l’identificazione ed il recupero automatico della plastica galleggiante attraverso l’utilizzo di robot aerei e marini. L’evento è stato realizzato con il supporto di Sepofà – Comunicazione e Promozione Editoriale e Culturale. All’azione hanno preso parte Fondali Campania, Prendi 3, CSI Gaiola Onlus, Zero Waste Italy, Cleanap, K MARIN, Sii Turista Della Tua Città.

«Connect4Climate ha una grande missione globale – dicono gli animatori di Connect4climate – parlare dei rischi dei cambiamenti ambientali. Questa missione a Napoli si è trasformata in una straordinaria avventura di entusiasmo, passione, cultura. Stiamo incontrando decine di giovani che ci travolgono con impegno civico e abnegazione. Da questa esperienza usciamo ancora più ottimisti per una vera rivoluzione ambientale, più certi di un futuro sostenibile».