“Ci siamo: la mia candidatura a sindaco di Roma è ufficiale. Domani la conferenza stampa con i movimenti e le liste che mi sosterranno. Ridaremo a Roma la dignità di Capitale”. Con un post sui suoi canali social Vittorio Sgarbi annuncia la sua candidatura a sindaco di Roma. Una candidatura con il suo movimento politico “Rinascimento”.

Domani martedì 23 febbraio alle11,30 a Roma (“Vivi Bistrot”, Piazza Navona 2) si terrà la “Comitato promotore per Vittorio Sgarbi sindaco di Roma”. Interverranno il coordinatore politico di “Rinascimento” Cristiano Aresu e i rappresentanti delle liste che sosterranno Sgarbi: “Geo” (Ambientalisti, Animalisti Europei), “Italia Libera” con l’avvocato Carlo Taormina e l’economista Nino Galloni, “M.C.I” (Movimento Cittadini Italiani) con Silvana Bruno e «Sviluppo Italia» con Carmelo Leo.

“Prima – ha spiegato Sgarbi – penseremo a migliorare i servizi essenziali, cosi come chiedono i romani. Poi un grande piano per la cultura che restituisca a Roma la dignità di Capitale, rimettendo al centro dei programmi culturali l’immenso patrimonio artistico e archeologico della città”. Nel programma innanzitutto le priorità amministrative come la riorganizzazione della manutenzione ordinaria: raccolta dei rifiuti, rifacimento del manto stradale, miglioramento del decoro ambientale delle periferie e potenziamento della sicurezza. Del “Comitato promotore per Sgarbi Sindaco di Roma” fanno parte Dario Di Francesco (organizzazione), Francesca Pucci, Tiziano Sbrozzi, Simone Lelli, Roberto Riccio, Michel Maritato, Cristiano Aresu, Emanuele Ricucci, Paolo Marioni.

Sgarbi al momento è deputato della Repubblica oltre a essere sindaco di Sutri, nel viterbese. È stato assessore ai beni culturali della Regione Sicilia, sindaco di Salemi, sottosegretario al ministero dei beni e delle attività culturali, eurodeputato, sindaco di San Severino Marche.

Proprio ieri sera era arrivata la benedizione della candidatura della sindaca in carica Virginia Raggi da parte del Garante del Movimento 5 Stelle e comico Beppe Grillo. “Roma ha bisogno di te – ha scritto Raggi – chi sta con Virginia sta con il Movimento”. Una scelta che anticipa sia l’appello di Raggi a votare sulla piattaforma Rousseau che la corsa con la sinistra. Potrebbe infatti restare lettera morta l’alleanza con la sinistra. Si era parlato nei giorni scorsi di un ticket giallorosso per Roberto Gualtieri, ex ministro all’Economia del governo Conte bis. Ad annunciare la sua candidatura anche Carlo Calenda, ex ministro allo Sviluppo Economico e fondatore di Azione.

Vito Califano