BLOG

Covid19, un virus informatico fa il salto di specie

© https://www.hs-academypages.com/hubfs/lp/academy/computer-virus.png
© https://www.hs-academypages.com/hubfs/lp/academy/computer-virus.png

Per ogni cosa c’è il suo momento, recita la Bibbia. Niente di più vero e dimostrabile, nei mesi della peste 2.0, il Corona Virus.

Come sappiamo, l’internet di massa si colloca a metà anni ’90, la telefonia mobile qualche anno dopo; tuttavia è da pochi anni che possiamo considerarci totalmente connessi, grazie alla diffusione capillare degli smartphone, con cui social e sistemi di chat sono esplosi.

Da più parti, si sottolinea come l’effetto paradosso dell’onlife sia un’estrema solitudine.

In qualche modo, e non siamo ancora all’IOT, è come se il genere umano, con la connettività, si sia progressivamente abituato alla solitudine, trasformando la socialità in un fenomeno non più fisico, ma trascendente.

Arrivo al punto: ci immaginiamo il Covid19 anche solo ad inizi millennio? Credete che un’interna nazione, senza whatsapp, avrebbe potuto reggere alla quarantena di stato?

In condizioni “naturali”, l’istinto alla vita avrebbe prevalso sull’istinto di conservazione, la spinta alla socialità avrebbe travalicato i divieti di stato legati alle esigenze di contenimento.

Si sarebbero dovuti schierare i carrarmati, ma, ugualmente, le popolazioni avrebbero organizzato una nuova Resistenza.

In poche parole, il CoronaVirus, solo qualche anno fa, non sarebbe potuto esistere. E qui mi ricollego al profetico incipit.

Questa tremenda malattia è, infatti, anche un tremendo evento mediatico. Potremmo definirlo un evento virale, senza voler fare giochi di parole di cattivo gusto.

E, proprio per la sua viralità, è infine un gigantesco evento globale: uno dei migliori esempi di globalizzazione.

Seguendo la cronistoria in Italia, possiamo distinguere alcuni macro periodi mediatici: gennaio, ovvero il periodo pre-diffusione, vede tutti i mezzi di comunicazione impegnati a raccontare la gravità della malattia ed i possibili metodi per non prendersela (“lavarsi le mani”).

C’è il periodo di boom della malattia, che corrisponde a servizi incessanti sulle atrocità ospedaliere (atrocità per il particolare grado di sofferenza di pazienti, medici ed infermieri).

Infine, stiamo entrando in una terza fase – nonostante l’inspiegabile numero dei morti  – in cui l’epidemia è data per calante e, dunque, si cominciano a prefigurare gli scenari catastrofici di tremenda recessione con conseguenti assalti armati ai supermercati. Ovvero, la fase economica del virus.

Tutto questo coinvolgimento mediatico, che funge da regia globale, sembra quasi indicarci che il Corona sia il primo virus informatico che abbia fatto un salto di specie, arrivando all’uomo.

Pensiamo a #IoRestoACasa. Scritto proprio così! Un hashtag. L’ibridazione sanitaria. Parliamo come twitter, come instagram.

E gestiamo in modo inedito una condizione di solitudine che, storicamente, sarebbe stata penosa, insostenibile.

Ci sono indubbie ricadute positive sui sistemi sanitari, questo è evidente.

Tuttavia, la sensazione, è quella di una umanità addomesticata. Non più uomini, ma animali domestici. Al punto da attribuire maggior considerazione all’animale, che all’uomo stesso. Alcuni decreti del Presidente del Consiglio, ad esempio, concedono il diritto di passeggiata al cane, negandolo all’uomo.

Scrivo queste righe senza dietrologia, senza senni di poi, conoscendo bene il livello di pressione cui sono state soggette le nostre strutture sanitarie, in cui, talvolta, si sono verificati anche dei suicidi.

Tuttavia, mi chiedo se il ricorso continuo alla retorica degli eroi non sia stato favorito dalla nostra solitudine digitale.

Senza addomesticamento di massa, chissà se urla e proteste vere avrebbero fatto arrivare con maggior solerzia mascherine e dispositivi di protezione.

Mascherine e dispositivi, tanto dileggiati all’inizio dai professoroni televisivi, che, molto probabilmente, avrebbero impedito il contagio di massa e la serrata di massa.

Serrata che, come sappiamo, sarà viatico ad una povertà vera, non mediatica.

Ma cosa importa: tanto, siamo addomesticati.

Contenuti sponsorizzati

Commenti


SCOPRI TUTTI GLI AUTORI