BLOG

La sinistra adesso riparta da Mondragone (Avvelenata domitia)

Responsabile Comunicazione e Marketing EAV
La sinistra adesso riparta da Mondragone (Avvelenata domitia)

Va tutto bene.

Forse pensavate che Mondragone, come buona parte del litorale domitio campano, fosse ormai un buco nero nello Stato, dimenticata dalla politica (tutta) per decenni. Che nonostante lo sforzo di tanti coraggiosi cittadini, amministratori locali, associazioni, vivesse schiacciata dall’illegalità diffusa, sotto il feroce controllo mafioso del territorio, devastata da abusivismo selvaggio ed ecomafie; una sorta di bomba ad orologeria razziale innescata dal controllo criminale dell’immigrazione clandestina, dallo sfruttamento del lavoro di uomini e donne che non esistono per nessuno.

O che, cronaca di questi giorni, a Mondragone servisse l’esercito per presidiare 5 palazzine in modesta emergenza sanitaria da focolaio Covid, che moltitudini di persone vivessero accatastate in appartamenti affittati al nero, che volassero sedie dai balconi o che in strada si potessero consumare scontri tra etnie diverse.

Vi sbagliavate. Vi siete impressionati.

Gli eroici attivisti antagonisti in servizio permanente, esportatori di partenopee rivoluzioni alle vongole, hanno riscattato anche il buon nome di Mondragone e di tutto il suo popolo (abbastanza distratto, tanto da aver conferito a Salvini percentuali lombarde appena alle ultime elezioni) e squarciato l’opprimente velo fatto di pregiudizi e luoghi comuni che vi ottenebrava la vista. Come?

Impedendo allo sciacallo Salvini (provocazione perfettamente riuscita) di profferire le usate (e usurate) parole d’odio, da cinico e abile rimestatore di fango quale è.

Applausi del pubblico da casa, delirio social: “Mondragone non si lega”, “Mondragone libera”, “Mondragone terra e libertà”,”Mondragone pane e tulipani”. “Mondragone futura umanità”.
La sinistra, se non è già stato scritto,  adesso riparta da Mondragone, che andare e restarci è impresa quasi impossibile.

Contenuti sponsorizzati

Commenti


SCOPRI TUTTI GLI AUTORI