BLOG

Una giornata di 72 ore, il pieno di bellezza e il cuore felice

Imprenditrice
Una giornata di 72 ore, il pieno di bellezza e il cuore felice

Questo lavoro, ignorato dalle politiche economiche, ha un valore. Le donne tedesche – mamme – hanno emesso fattura al Governo per un importo di 22mila euro. Hanno fatto i calcoli, calcolatrice alla mano, insieme alle altre madri, e hanno presentato il conto.

Vorrebbero che la politica e la società smettessero di considerare come dovuto e gratuito il lavoro familiare e domestico delle donne. Hanno preso il posto delle scuole e delle mense statali, le giornate di ventiquattr’ore sono diventate giornate di 72h tutto compreso – ricordo la grandezza di Totò e sorrido: alloggio, vitto, lavatura, imbiancatura, stiratura. Magari molto di più.
Da questo gesto simbolico è partita una campagna nazionale per rendere pubblico e ben visibile tutto il peso del lavoro dietro le mura domestiche delle mamme, durante la crisi del coronavirus.

Hanno fatto da educatrici e maestre, da cuoche e psicolghe, da colf e istruttrici sportive, da infermiere e governanti, oltre al lavoro a distanza – il telelavoro da non confondere con lo smart-working altra cosa. Altro che multitasking, donne&mamme, mamme&donne, mamme meraviglia+O.S.E. e a iosa. Sono o non sono un’ingegnere grammaticale, io?

Sapete bene perché lo sostengo in tutte le discipline – le idee sono fondamentali, quanto i dati e i concetti – sposo l’idea e penso che lo debbano fare tutti gli altri Paesi. Al Presidente del Consiglio dico che non ha bisogno di nessuna task-force che gli dia consiglio, la somma fa il totale, il conto della massaia non sbaglia mai di un centesimo.
Passiamo all’incasso.

Contenuti sponsorizzati

Commenti


SCOPRI TUTTI GLI AUTORI