BLOG

Quando complottismo fa rima con antisemitismo

Quando complottismo fa rima con antisemitismo

Razzismo e vita quotidiana. La presunta superiorità di una “razza” su un’altra può diventare una strisciante consuetudine sociale. Purtroppo noi italiani ne sappiamo qualcosa. Dal 1938 al 1943, il regime fascista decise di pubblicare il quindicinale La difesa della razza, diretto da Telesio Interlandi, l’intellettuale siciliano che più spudoratamente approvò le leggi razziali in Italia.

Sulla rivista gli ebrei vengono definiti avidi, opportunisti, senza scrupoli. Non mancano le caricature fisiche. Gli ebrei sono rappresentati come sinistri figuri, con il naso adunco e lo sguardo furbo.

La propaganda razzista era presente anche nei libri delle scuole elementari. Vale la pena di ricordarne le parole, perché non si può credere che si possano propinare ai bambini tante violente assurdità: “L’Italia di Mussolini, erede della gloriosa civiltà romana, non poteva rimanere inerte davanti a questa associazione di interessi affaristici, seminatrice di discordie, nemica di ogni idealità. Roma reagì con prontezza e provvide a preservare la nobile stirpe italiana da ogni pericolo di contaminazione ebraica e di altre razze inferiori” (Luigi Rinaldi, Il libro della quinta classe elementare, Roma, Le librerie dello Stato, 1941, Fondazione Museo della Shoah).

Ci siamo chiesti se ancora oggi ci fosse un antisemitismo più o meno sommerso e, per PRIMOPIANOSCALAc di Telos A&S, ne abbiamo parlato con Dave Rich, Ricercatore associato nell’Istituto Birkbeck per gli Studi sull’Anti-semitismo dell’Università di Londra. Rich è autore del libro The Left’s Jewish Problem Jeremy Corbyn, Israel and Anti-Semitism, in cui pone l’accento sulla sinistra britannica che, dal suo punto di osservazione, ha cavalcato un certo complottismo anti israeliano e antisemita. “Non ci vuole molto a collegare questa analisi ad alcuni stereotipi davvero obsoleti e sinistri sugli ebrei ricchi, potenti e manipolatori e tutto ad un tratto, la sinistra anti-capitalista diventa sinonimo di cospirazionismo antisemita. Una delle caratteristiche centrali dell’antisemitismo è la capacità di insinuarsi nelle differenti ideologie, religioni e sistemi di credenze” afferma Dave Rich.

Un antisemitismo politicamente trasversale, dunque. Del resto è facile affibbiare la colpa dei problemi sociali a un nemico. Molto più facile che tentare di risolverli.

 

SCOPRI TUTTI GLI AUTORI