Weekend di fuoco tra caldo afoso e partenze per le vacanze. La penisola è nella morsa della seconda e più intensa ondata di calore di quest’estate, con l’Anticiclone nordafricano ancorato al Mediterraneo e all’Europa meridionale. La massa d’aria sahariana investe in modo più pesante le regioni centro-meridionali, dove le temperature diurne nei prossimi giorni potranno ancora sfiorare i 40 gradi, e in alcuni settori interni persino superarli. Anche al Nord il clima è rovente, con l’aggravante degli elevati tassi di umidità. Caldo e afa non danno tregua neppure la notte, quando, soprattutto nelle grandi città, non si scende comunque sotto i 24-25 gradi.

IL CALDO – Per il ministero della Salute sabato sarà bollino rosso e allerta 3, il massimo livello, in 14 città: Bologna, Bolzano, Brescia, Campobasso, Firenze, Frosinone, Latina, Perugia, Pescara, Rieti, Roma, Torino, Verona, Viterbo. Per domenica coinvolti 12 centri urbani, ma la situazione è destinata a cambiare. “I modelli a nostra disposizione – affermano i meteorologi di iconameteo.it – confermano la fine di questa fiammata africana nei primi giorni di agosto, tra domenica 2 e lunedì 3 al Nord, tra il 4 e il 5 anche al Centro-Sud, grazie alla massa d’aria più temperata atlantica che accompagnerà la perturbazione n.1 di agosto: un intenso fronte freddo, il cui passaggio potrebbe dar luogo a violenti temporali, in particolare al Nord nella giornata di lunedì”.

IL TRAFFICO- La situazione intanto sarà rovente soprattutto per chi si sposta in auto. Fino a domenica sera è bollino rosso su tutte le strade e autostrade per il secondo fine settimana di esodo estivo. È previsto un incremento di traffico per gli spostamenti verso le località di villeggiatura, in particolare lungo le dorsali adriatica, tirrenica e jonica, compreso l’itinerario E45 e ai valichi di confine in direzione di Francia, Slovenia e Croazia. Più degli altri anni, a causa dell’emergenza coronavirus, gran parte degli italiani si sposterà all’interno del Paese. Per tutta la giornata di sabato è previsto traffico intenso, in direzione Sud, sulle principali direttrici verso le località di mare e in uscita dai centri urbani, mentre domenica sono attesi a partire dal tardo pomeriggio i rientri di chi si sposta solo per il weekend.

DA LUNEDì CALO TEMPERATURE  DI 10-12 GRADI – Ma il primo vero break temporalesco è atteso tra la sera di domenica e la notte di lunedì, dove i temporali potranno risultare forti o localmente molto forti anche sulla Val Padana centro-occidentale, con possibili nubifragi, grandinate, forti raffiche di vento ed un primo deciso calo termico, anche di 10-12 gradi al Nord nel corso di lunedì. Ancora tempo stabile, soleggiato e molto Caldo al Centro-Sud, ma temporali via via più diffusi sui rilievi montuosi del Centro. Il fronte freddo e la conseguente instabilità si sposteranno verso Sud nel corso di martedì, anche se saranno ancora possibili rovesci e temporali notturni tra bassa Lombardia e Triveneto; fenomeni localmente intensi potranno interessare l’Emilia-Romagna, il medio versante adriatico e la dorsale appenninica centro-meridionale; mercoledì ancora instabile con rischio di acquazzoni e temporali su basse Marche, Abruzzo, Molise e al Sud, con rischio temporali anche sulle coste, migliora al Nord e sul versante tirrenico. Poi possibile ritorno dell’anticiclone, ma ancora con rischio per temporali di calore.