Nessun ‘terremoto’ nelle intenzioni di voto degli italiani per i partiti. È quanto evidenzia l’ultimo sondaggio realizzato da Ixè, che vede i due principali partiti, Lega e PD, sostanzialmente stabili. Cambia invece qualcosa nel gradimento dei vari leader politici: nell’Italia chiusa in casa per il Coronavirus emerge chiaramente l’apprezzamento verso il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

LE INTENZIONI DI VOTO PER I PARTITI – Come detto Lega e Partito Democratico restano stabili, ancorati rispettivamente al 27 e al 22,5 per cento dei consensi. Per Ixè i Dem sono comunque particolarmente vicini al Carroccio. Dietro di loro doppio calo per gli inseguitori Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia: i grillini perdono un ulteriore 0,7% in una settimana e scendono fino al 14,9%, Meloni e soci non ne approfittano e vedono calare a loro volta il consenso (-0,4%) al 13%.

Sempre nell’area di maggioranza continua la risalita della Sinistra, che guadagna mezzo punto scalando fino al 3,8%, al contrario prosegue il trend negativo di Italia Viva, con i renziani scesi fino al 2,4%. Nel centrodestra invece rimbalzo in avanti per Forza Italia, con gli azzurri stimati al 6,6% (+0,5%).

I LEADER POLITICI – Nella fase emergenziale per il Coronavirus, Ixè nota un generale consolidamento della fiducia nei leader politici e soprattutto nelle istituzioni. A beneficiarne maggiormente è il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che sale al 45% nel gradimento, mentre il Governo è di pochi punti dietro, al 43%. In linea con questo dato anche il 43% che rifiuta l’ipotesi di un Governo di unità nazionale, che viene invece caldeggiato dal 37% degli intervistati.

Tra gli altri leader politici Giorgia Meloni si conferma al secondo posto al 35 per cento (+1 rispetto alla settimana precedente), terzo Salvini al 32% (+1) Zingaretti al 30% (+1), Di Maio stabile al 22%, Berlusconi al 19% e Renzi al 13% (+1).