BLOG

C’è una bomba sociale pronta ad esplodere

Social Media Manager
C’è una bomba sociale pronta ad esplodere

Chiusi in casa senza poter uscire ci sono anche gli indigenti, persone che non escono a fare la spesa perché i soldi per la spesa non ce l’hanno. E sempre da più parti si sente di questi drammi familiari, con persone che si rivolgono a Carabinieri e Polizia per avere qualcosa da poter mettere nel piatto.

In attesa di una misura strutturale (come si usava dire una volta) necessaria, che gioco forza va discussa, concertata, messa appunto e approvata, ricordiamoci che l’Italia ha la fortuna di avere una straordinaria rete di assistenza sociale capillare, in ogni comune del nostro Paese, anche il più piccolo e sperduto. Mi riferisco al Terzo Settore, allo straordinario capitale di donne, uomini, associazioni e mezzi che nella stragrande maggioranza dei casi già conoscono queste persone in difficoltà, conoscono perfettamente la realtà sociale in cui abitualmente operano e di sicuro conoscono il problema e possono intervenire subito.

Una cosa veloce da fare sarebbe quella di coinvolgere il Forum del Terzo Settore e affidare ad i suoi esperti la gestione dell’emergenza per le fasce più deboli della nostra società. Con piani definiti e commissari preposti concordati con la Task Force nazionale.

Ci sono gli indigenti, ci sono le donne chiuse in casa con mariti violenti, ci sono bambine e bambini chiusi in casa con parenti violenti e che abusano di loro, ci sono ragazz* LGBT+ chiusi in casa con genitori omobitransfobici, ci sono genitori chiusi in casa con figli problematici, ci sono quelli che una casa non ce l’hanno (i senza tetto sono 50 mila, e sono solo quelli censiti al 2018), e poi ci sono le famiglie con disabili fisici e psichici a carico che si sono visti chiudere i centri di aggregazione e hanno visto venir meno le attività ludiche/ricreative e terapeutiche fondamentali.
Sono drammi. Drammi. E vanno risolti alla svelta. Perché la quarantena durerà a lungo e non possiamo chiedere a lungo a queste persone di stare a casa e basta. A tutte queste persone chiedere di stare chiusi in casa, se ce l’hanno una casa, non è “un piccolo sacrificio” come si sente spesso dire. È un enorme sacrificio. Anzi è proprio l’ora di finirla di dire “vi è chiesto solo un piccolo sacrificio” quando si dice alla gente di stare chiusa in casa. È un piccolo sacrificio se stai bene, se hai una casa confortevole e se sei in compagnia di qualcuno che a sua volta non ha problemi pregressi.

Siamo in presenza di una bomba sociale pronta ad esplodere.

Dobbiamo fare qualcosa, e farlo alla svelta.

LEGGI ANCHE -Anche stare a casa è pericoloso, è allarme violenza sulle donne

Contenuti sponsorizzati

Commenti


SCOPRI TUTTI GLI AUTORI