BLOG

Diario da un paese in zona rossa- 14 novembre, la Chiesa della Riforma

Esperto in comunicazione
Diario da un paese in zona rossa- 14 novembre, la Chiesa della Riforma

San Marco Argentano (Cs), sabato 14 novembre

Sabato sera. Come sempre vado in chiesa per la Santa Messa anche perché è bello e giusto iniziare la Domenica così, anche se domani sarà una domenica un po’ triste. Purtroppo, causa inagibilità, sarà l’ultima messa, spero per il minor tempo possibile, nella chiesa della Riforma. È una chiesa a cui sono molto legato perché io, complice mio papà, mi sono cresciuto con i frati francescani e devo dire che il francescanesimo è una cosa bellissima.

La Chiesa della Riforma è un pezzo fondamentale della storia del mio paese. Qui è passato Sant’Antonio di Padova lasciando una traccia indelebile (guardate la foto in evidenza); qui ha vissuto un anno di formazione San Francesco da Paola, Patrono della nostra Calabria; questo era un luogo importante per il Venerabile Mons. Castrillo, Vescovo francescano vissuto nella prima parte del Novecento.

La Chiesa di Sant’Antonio rappresenta un punto di riferimento per tutti i miei compaesani che ogni giorno passano e, anche per poco tempo, entrano per un saluto.

Sarà davvero dura, ma, sono convinto, passerà.

Oggi anche l’Austria è andata in lockdown e in Italia si continua a parlare di quante persone potranno partecipare ai pranzi di Natale.

Momento speranza, oggi è tutto personale perché quando ricevo messaggi di vicinanza per le cose che faccio ne sono sempre felice.

Alla fine il bene vince su tutto.

 

Contenuti sponsorizzati

Commenti


SCOPRI TUTTI GLI AUTORI