Una vicenda che ha del paradossale arriva dalla Sicilia, raccontata dall’attrice Maria Grazia Cucinotta. Un ragazzino di 13 anni affetto da ADHD, il disturbo da deficit di attenzione/iperattività, sarebbe stato allontanato da casa assieme ai genitori e alla sorellina di 8 anni con un provvedimento del Gip di Messina.

LA DENUNCIA DELLA CUCINOTTA – Una decisione, denuncia l’attrice all’agenzia Ansa, nata dalla denuncia dei vicini di casa del 13enne. “Il provvedimento emesso dal Gip di Messina – spiega la Cucinotta – è stato adottato perché una coppia di vicini, dicendosi esasperata dal comportamento del ragazzo, ha presentato denunce. Il giudice ha addirittura deciso di applicare il braccialetto elettronico ai genitori del giovane, per dissuaderli dall’avvicinarsi all’abitazione“. L’attrice siciliana ha quindi fatto un appello ai magistrati affinché rivedano il provvedimento.

COS’E’ L’ADHD – Il disturbo da deficit di attenzione/iperattività, o ADHD, è un disturbo evolutivo dell’autocontrollo. Esso include difficoltà di attenzione e concentrazione, di controllo degli impulsi e del livello di attività. Questi problemi – spiega l’associazione italiana per i disturbi di attenzione e iperattività – derivano sostanzialmente dall’incapacità del bambino di regolare il proprio comportamento in funzione del trascorrere del tempo, degli obiettivi da raggiungere e delle richieste dell’ambiente. L’ADHD non è una normale fase di crescita che ogni bambino deve superare, non è nemmeno il risultato di una disciplina educativa inefficace, e tanto meno non è un problema dovuto alla “cattiveria” del bambino.