È scattata una polemica fuori e dentro i social dopo che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha chiesto aiuto a Chiara Ferragni e a suo marito Fedez per sensibilizzare i giovani all’uso della mascherina per evitare i contagi da coronavirus. Ma non sono i primi influencer della storia a cui viene fatta una richiesta simile: molto prima di loro l’aiuto fu chiesto dagli Stati Uniti a Elvis Presley.

Era il 1956 quando a Elvis, all’auge della sua carriera, amato da folle oceaniche di giovani, fu chiesto di vaccinarsi contro la poliomelite davanti alle telecamere. Poco dopo avrebbe partecipato come ospite a una delle puntate dell’Ed Sullivan Show. Ci sono ancora le immagini di quel momento: Elvis tra medico e infermiera sorride mentre lo pungono sul braccio con il vaccino.

Il cantante si sottopose alla vaccinazione di fronte a fotografi e telecamere negli studi della Cbs di New York, “facendo impennare le adesioni e contribuendo alla scomparsa di questa terribile malattia che nel 1952 aveva fatto registrare negli USA 58 mila casi. Nel 1962 i casi di poliomielite, anche grazie ad Elvis Presley, erano scesi a 910”, commenta l’immunologo Roberto Burioni. Se i Ferragnez avranno lo stesso potere, Conte potrebbe aver avuto una ottima idea.