Il deputato di Italia Viva Ivan  Scalfarotto è ufficialmente candidato a presidente della Regione Puglia alle prossime elezioni, consultazioni che dovevano tenersi tra marzo e giugno e che sono starete rinviate a data da destinarsi, probabilmente il 20 settembre prossimo.

Scalfarotto, che sarà appoggiato da una coalizione che comprende anche +Europa e Azione, il partito di Carlo Calenda, lo ha annunciato in una intervista a Repubblica, in cui ha affondato la gestione del governatore uscente del Partito Democratico, Michele Emiliano: “Non sarebbe stato giusto costringere i pugliesi a dover scegliere tra populismi: quello antieuropeista della destra, quello di palazzo impersonificato da Michele Emiliano”. Scalfarotto poi fa una differenza tra Emiliano e i 10 anni in Regione dell’ex governatore Nichi Vendola, che considera “un’ottima esperienza di governo. Lo stesso Emiliano non dice mai che la sua è una coalizione di centrosinistra”.

Scalfarotto, nato a Pescara ma cresciuto a Foggia, è stato per due volte sottosegretario durante i governo Renzi e Gentiloni, ed è attualmente sottosegretario agli Esteri nell’esecutivo di Giuseppe Conte. Dopo aver fatto a lungo parte del Pd è quindi entrato in Italia Viva, il movimento fondato dall’ex premier Matteo Renzi.

GLI ALTRI SCHIERAMENTI – Il voto pugliese si sta rivelando particolarmente divisivo per il centrodestra, dove è forte la spaccatura tra Fratelli d’Italia e Forza Italia da una parte, che vorrebbero candidare Raffaele Fitto, e la Lega che si oppone. Il Partito Democratico punterà ad una nuova conferma del governatore uscente Michele Emiliano, mentre il Movimento 5 Stelle correrà da solo con Antonella Laricchia.