È stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale aggravata un professore di religione di Piacenza. Aggravata perché l’accusa riguarda alunni minorenni, video e messaggi erotici che sarebbero stati mandati fuori dall’orario di lezione. La storia è stata raccontata dal quotidiano La Libertà. L’insegnante era stato sospeso l’anno scorso per una decisione dei suoi superiori.

Uno dei due alunni che hanno accusato la violenza sessuale ha parlato per primo nel febbraio del 2021. Presunte molestie che hanno causato l’allontanamento dalle aule prima preventivo e poi definitivo del professore dopo la querela della scuola e la segnalazione al provveditorato agli studi e alla curia. L’indagine della Procura ha portato alla scoperta di altre presunte vittime e di altre testimonianze. Cinque in tutto i minorenni, tutti maschi, che sarebbero stati coinvolti.

L’indagine della Procura ha portato a scoprire altre presunte vittime e altre testimonianze. Due dei ragazzi sarebbero stati coinvolti in incontri privati. L’arresto del giovane professore dell’Istituto Superiore è stato convalidato a giugno scorso e tenuta sotto stretto riserbo fino a ieri, quando è stata resa nota dal quotidiano. L’indagine della procura di Piacenza è stata lunga e complessa.

Solo lo scorso marzo, sempre a Piacenza, un professore era finito a processo con l’accusa di molestie nei confronti di alcune studentesse.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.