Una donna di 31 anni a bordo di un monopattino elettrico si è scontrata con un furgone questa mattina a Milano ed è gravemente ferita, ricoverata in prognosi riservata al Niguarda. La donna, secondo quanto ricostruito dalla polizia locale che è ancora sul posto per i rilievi, percorreva via Bruschetti, nella zona della stazione Centrale, andando verso via Braga, in sostanza andando dalla ferrovia verso via Melchiorre Gioia, quando all’incrocio con via Edolo, dalle prime ricostruzioni sembra che non abbia dato la precedenza e abbia sbattuto con la parte destra del monopattino contro un furgone, per poi essere investita.

Partita in codice rosso, è stata poi posta in prognosi riservata al Niguarda: a causa del grave trauma cranico è stata operate per ridurre gli ematomi. Alla guida del furgone c’era un italiano di 44 anni.

La donna vittima del grave incidente, sempre stando a prime informazioni, non indossava il caso al momento del sinistro. L’uso del caso, va specificato, è obbligatorio solo per i minorenni.

È il primo incidente grave che vede coinvolto nel capoluogo lombardo un monopattino, ma a Milano da tempo il mezzo (e i suoi utenti) sono nel mirino di pedoni e automobilisti per uno stile di guida spesso aggressivo e senza alcun rispetto per il codice della strada.