Cadavere trovato in cella frigorifera, è di una donna: la macabra scoperta a Ceglie Messapica

Il cadavere congelato di una donna è stato trovato in una cella frigo nel primo pomeriggio a Ceglie Messapica, comune in provincia di Brindisi. La macabra scoperta poco dopo le 15:00. Il cadavere sarebbe di una donna di più di 80 anni, il figlio è stato condotto in caserma. Sul giallo indagano i carabinieri.

Il ritrovamento in contrada Mazzella, alla periferia della città di quasi 19mila abitanti in Puglia. Il figlio della donna sarà ascoltato dagli inquirenti. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione locale, i militari del Nor della compagnia di San Vito dei Normanni, i vigili del fuoco e il pubblico ministero titolare del fascicolo Mauron Gallone. Sul cadavere dovrebbe essere condotta l’autopsia per scoprire le cause della morte e da quanto tempo il cadavere si trova nella cella frigo.

Non è chiaro da quanto tempo il corpo si trovasse nel luogo del ritrovamento. Così come non è chiaro come si sia arrivati alla scoperta del corpo. Il cadavere era rannicchiato, nel congelatore a pozzetto, nell’abitazione di contrada Seppunisi. “Sono sgomento di fronte alla scoperta che è stata fatta nel pomeriggio: confidiamo nelle indagini dei carabinieri, coordinate dalla procura di Brindisi, per accertare i fatti”, ha dichiarato a LaPresse il sindaco di Ceglie Messapica, Angelo Palmisano, sul ritrovamento dopo aver raggiunto la caserma dei carabinieri.

Articolo in aggiornamento