A distanza di undici anni dall’ultimo trionfo, l’Inter è di nuovo campione d’Italia, per la diciannovesima volta nella sua storia. Il pareggio tra Sassuolo e Atalanta (1-1, reti di Gosens nel primo tempo e Berardi nella ripresa) regala il tricolore con quattro giornate d’anticipo ai nerazzurri.

“Siamo noi, siamo noi. I campioni dell’Italia siamo noi”. Con questo tweet e un fotomontaggio della squadra in festa, l’inter festeggia la sua vittoria.

Pochi minuti dopo la fine di Sassuolo-Atalanta, che ha sancito la vittoria del 19° Scudetto, migliaia di tifosi dell’Inter hanno invaso Piazza Duomo in Milano per festeggiare. In barba ad ogni indicazione anti Covid-19, tra i fans nerazzurri è esplosa la gioia dopo oltre dieci anni di astinenza da vittorie.

I soliti cori contro Juventus e Milan, abbracci, salti e canti per festeggiare lo Scudetto. Mascherine abbassate e nessun distanziamento sociale, così i tifosi dell’Inter non hanno resistito alla voglia di celebrare i propri beniamini.

Mentre Piazza Duomo continua a riempirsi sempre di più di tifosi nerazzurri bardati di sciarpe e bandiere, la festa prosegue anche per le altre strade di Milano con caroselli di auto e moto che proseguono e proseguiranno per tutta la notte.

Tra bandiere e fumogeni impazza la festa in piazza Duomo. “Ora è il momento della festa: di tutti gli interisti. Una gioia che si sprigiona genuina ma che invitiamo a esprimere nella maniera più responsabile possibile: siamo campioni anche in questo!”: è l’invito alla responsabilità da parte dell’Inter ai tifosi nerazzurri dopo la vittoria matematica del 19esimo scudetto. La società chiede ai propri sostenitori di rispettare il più possibile i divieti e le regole imposte dal Governo per la limitazione della diffusione del Covid-19.

Festa anche nella sede dell’Inter, con il presidente Steven Zhang che si è brevemente affacciato dal tetto del palazzo di Porta Nuova. “Grazie a tutti”, sono queste le prime parole, affidate ai social.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.