Femminicidio Palermo, la fabbrica di piscine del presunto killer