Venezia, Zaia: “Disastro apocalittico”