“La Commissione Contenziosa del Senato ha annullato la delibera dell’Ufficio di Presidenza che aveva deciso il taglio dei vitalizi agli ex parlamentari”. A dare la notizia è Maurizio Paniz, ex deputato di Forza Italia e avvocato che aveva difeso la maggior parte degli ex senatori che avevano presentano ricorso contro l’Ufficio di presidenza di Palazzo Madama.

La Commissione Contenziosa è composta da cinque membri nominati dalla Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati. Si desume, scrivono le agenzie, che a favore abbiano votato il presidente Giacomo Caliendo, di Forza Italia, e i due non parlamentari Cesare Martellino, ex procuratore di Terni, e Alessandro Mattoni, avvocato ed ex presidente dell’Unione camere penali a Tivoli. A completare la commissione i senatori della Lega Simone Pillon e Alessandra Riccardi, appena passata al Carroccio dal Movimento 5 Stelle. La decisione ora passa alla Camera dei deputati che dovrà aderire o meno alla decisione della Commissione Contenziosa di Palazzo Madama.

“È stato ripristinato lo Stato di diritto – ha commentato Paniz – Una soddisfazione professionale ma anche sul piano dei rapporti personali che ho intrattenuto con centinaia di ex senatori che ho assistito. È un risultato che mi ripaga dell’impegno e degli insulti e minacce ricevuti. Io non ho difeso un privilegio, ma un diritto, e in uno Stato di diritto questa è una vittoria di tutti”. La decisione ha trovato tuttavia forti critiche. ​”La cassa integrazione è in ritardo e si rimettono i vitalizi. Non è la nostra Italia”, ha scritto su Twitter il segretario del Partito democratico, Nicola Zingaretti. “Abbiamo già abolito i vitalizi e non abbiamo alcuna intenzione di ripristinarli”, ha commentato il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio. “Ci provavano da mesi: lo hanno fatto di notte, di nascosto. È uno schiaffo a un Paese che soffre. La casta si tiene il malloppo. Chi dobbiamo ringraziare per questa operazione, la presidenza del Senato?”, ha osservato Vito Crimi, capo politico del Movimento 5 Stelle. “Il ripristino dei vitalizi per gli ex senatori è una vergogna. La Lega si oppone e si opporrà sempre al ritorno dei vecchi privilegi”, le parole di Matteo Salvini, segretario del Carroccio, che sostiene di essere stato l’unico partito a votare contro lo stop al taglio dei vitalizi.