Cinque turisti italiani sono stati soccorsi in Alaska dopo avere visitato il bus abbandonato, diventato famoso nel film “Into the wild“, sul sentiero Stampede, vicino alla città di Haley. Gli agenti di polizia dell’Alaska hanno riferito che i cinque sono stati trovati a 13 miglia (circa 20 km) dal sentiero e uno di loro, con i piedi congelati ma non in pericolo di vita, è stato portato a Fairbanks per essere curato.

Gli altri 4 sono stati invece recuperati da alcuni amici di Haley. I soccorritori sono stati allertati dagli escursionisti con un dispositivo di emergenza satellitare e hanno raggiunto i cinque in motoslitta.

Il salvataggio è stato l’ultimo episodio, in ordine di tempo, che ha visto protagonista l’autobus, reso famoso dal libro di Jon Krakauer pubblicato nel 1996 e poi dall’omonimo film del 2007 di Sean Penn. Entrambi hanno alimentato il fascino del protagonista, Christopher McCandless, che morì di fame nell’autobus, che si trova a circa 10 miglia a nord dell’entrata del Parco Nazionale e della Riserva di Denali.

Nel corso degli anni, alcuni escursionisti sono stati salvati e altri sono morti mentre cercavano di ripercorrere gli ultimi passi di McCandless.