Minacciarono e picchiarono i familiari di un collaboratore di giustizia, poi morto in carcere, nel tentativo di conoscere la località protetta dove si trovava. In un altro caso obbligarono i parenti del pentito a lasciare l’abitazione ad altri affiliati del clan. Dovranno rispondere di violenza privata, violenza o minaccia per costringere a commettere un reato, intralcio alla giustizia ed estorsione, tutti delitti aggravati dal metodo mafioso, i quattro destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Napoli ed eseguita in mattinata dai carabinieri del Nucleo Investigativo e della Compagnia Napoli-Stella e dagli agenti della Squadra Mobile di Napoli al termine delle indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia partenopea.

CONTINUA A LEGGERE SUL RIFORMISTA NAPOLI