E’ di un morto e due feriti il momentaneo bilancio dell’esplosione avvenuta poco prima delle 16 negli stabilimenti della Adler Plastic, azienda multinazionale con sede a Ottaviano, in provincia di Napoli, leader nel settore della produzione e lavorazione di materie plastiche per l’industria del trasporto e in special modo per le grosse case automobilistiche. Un “boato pazzesco” commentano alcuni residenti, avvertito anche nei vicini comuni di San Giuseppe Vesuviano, Sant’Anastasia e nel Nolano.

LA VITTIMA – Oltre alla vittima, che si chiamava Vincenzo Lanza, 55enne di Ottaviano, nell’esplosione – secondo quanto appreso dai carabinieri che procedono nelle indagini coordinate dalla Procura di Nola- sono rimaste ferite altre due persone: la più grave è stata trasportata all’ospedale di Nola. L’altro operaio coinvolto è stato condotto al Cardarelli. Sul posto oltre ai militari anche polizia, guardia di finanza, più squadre dei vigili del fuoco e diverse ambulanze.

La colonna di fumo nero è visibile a chilometri di distanza. Numerose le segnalazioni dei cittadini per l’aria diventata irrespirabile. Alcuni vetri delle finestre delle abitazioni circostanti sono stati distrutti dalla forte esplosione.

LE CAUSE – L’incendio si è verificato nella zona dei forni dove per fortuna non c’erano operai al lavoro. L’esplosione ha interessato anche i vicini uffici dove c’erano circa almeno 30 operai (ma c’è anche chi sostiene il doppio) che aveva riaperto ieri. L’esplosione potrebbe essere partita da una bombola di gas che è stata trovata a pochi metri dal punto da dove sarebbe partito l’incendio. Nelle prossime ore saranno i vigili del fuoco a chiarire le cause. L’ipotesi di reato è di omicidio colposo. Accertamenti anche sui registri presenze e sui turni degli operai presenti nello stabilimento al momento dell’esplosione.

L’Arpac sta monitorando la qualità dell’aria ancora compromessa per la nube nera che si è levata in cielo per ore, avvolgendo le case, alcune delle quali hanno subito ingenti danni dovuti all’esplosione.

Adler Plastic è un Gruppo internazionale, con sede a Ottaviano, in provincia di Napoli, che progetta, sviluppa e industrializza componenti e sistemi per l’industria del trasporto.
Fondata nel 1956 da Achille Scudieri, oggi portata avanti dal figlio Paolo, è il primo produttore italiano di sistemi per il comfort acustico e termico di veicoli e di rivestimenti e pannelli per le portiere e tappeti interni (il secondo player mondiale).

VETRI DISTRUTTI NELLE ABITAZIONI VICINE

Adler conta oggi 58 stabilimenti in 19 Paesi, 7 siti di ricerca e Sviluppo per un fatturato annuo di 1 miliardo di euro. Adler crea, sviluppa e produce per l’industria del trasposto, utilizzando in modo innovativo poliuretani, poliolefine, polipropilene e polivinile. Può vantare una storia aziendale fatta di successi, investimenti e acquisizioni, finalizzate a offrire una risposta adeguata alle crescenti e diversificate esigenze del mercato.

IL VIDEO RACCONTO