Il sindaco di Seul, Park Won-sun, sarebbe stato ritrovato privo di vita, secondo l’agenzia di stampa Yonhap. Il primo cittadino era stato dato per disperso diverse ore fa, con le operazioni di ricerca della polizia che si erano concentrate nel quartiere Sungbuk della capitale, dove è stato rilevato il segnale del suo cellulare. Ad allertare gli agenti era stata  la figlia, che aveva detto alle forze dell’ordine che il padre prima di scomparire avrebbe lasciato una sorta di testamento.

Kim Ji-hyeong, un funzionario del governo metropolitano di Seul, aveva confermato che Park non si è presentato al lavoro giovedì per motivi non specificati e annullato tutti i suoi programmi, incluso un incontro con un funzionario presidenziale nel suo ufficio del Municipio della capitale. Contro il sindaco era stata presentata mercoledì una denuncia alla polizia, presumibilmente riguardante una aggressione sessuale compiuta da Park Won-soon ai danni di una ex dipendente comunale.

Attivista civico di lunga data e avvocato per i diritti umani, Park è stato eletto sindaco di nel 2011 ed è entrato nel suo terzo e ultimo mandato nel giugno dello scorso anno. Membro del Partito democratico liberale del presidente Moon Jae-in, il sindaco 64enne era stato considerato un potenziale candidato presidenziale per i liberali nelle elezioni del 2022.