Nuovo impulso alla mobilità elettrica da parte di Enel X, la business line di Enel dedicata allo sviluppo di prodotti innovativi e soluzioni digitali che da anni stanno concorrendo a rivoluzionare il settore energetico e il suo impiego nelle città, le case, l’industria e la mobilità. La società ha triplicato la rete di punti di ricarica pubblici di veicoli elettrici in Europa. Dagli attuali 10.500 già attivi si passa a oltre 30mila punti. Enel X conta complessivamente circa 100mila punti di ricarica di veicoli elettrici in tutto il mondo.

Il nuovo slancio alla mobilità sostenibile è stato realizzato attraverso la connettività eRoaming assieme all’operatore olandese della rete di ricarica di veicoli elettrici Allego, a Robert Bosch GmbH e alla società tedesca Innogy. Nel quadro della piattaforma di mobilità elettrica Hubject, tale collaborazione consentirà agli utenti dell’app JuicePass di Enel X di ricaricare, senza dover stipulare nuovi contratti nelle stazioni di ricarica gestite, dalle tre società in una rete di oltre 19.500 punti in Belgio, Germania, Lussemburgo e Paesi Bassi.

Enel X offre ai conducenti di veicoli elettrici un’esperienza di ricarica uniforme in tutta Europa senza doversi preoccupare di dove ricaricare i veicoli elettrici all’estero o di stipulare contratti con altri fornitori”, spiega Francesco Venturini, CEO di Enel X. “Abbiamo finalizzato questo progetto in piena sicurezza e, guardando al futuro, continueremo a lanciare iniziative di eRoaming simili per promuovere la ripresa economica attraverso il nostro modello di business sostenibile. Per raggiungere questo obiettivo – continua – sfrutteremo anche le numerose opportunità offerte dalla rete Hubject, al fine di creare una vera autostrada elettrica che attraversi il Continente, conducendo gli europei fuori da questo periodo difficile e verso una società davvero aperta“.

La joint venture di e-mobility di Hubject è stata fondata nel 2012, coinvolge oltre 600 partner commerciali e vanta 200mila punti di ricarica in tutto il mondo. Allego, Innogy e il Gruppo Bosch rappresentano delle realtà leader nel settore dell’energia e dei servizi. La prima conta oltre 15mila punti di ricarica pubblici nell’Unione Europea attraverso la piattafoma Hubject; Innogi circa 4.000; Bosch circa 550. Enel X, per il progetto, ha messo a disposizione un’infrastruttura pubblica di circa 10.500 punti di ricarica. Nell’ottica di favorire la mobilità elettrica e di decarbonizzare il settore dei trasporti, la società prevede di ampliare la propria rete, tra pubblici e privati, dagli attuali 100mila punti a circa 736mila entro il 2022.