Terra dei Fuochi in fiamme: rogo di oltre 10 ore, aria irrespirabile

Non sono ancora chiare le cause del rogo che ha interessato, per circa dieci ore, un sito di stoccaggio di materiale ferroso adiacente al termovalorizzatore di Acerra (Napoli). Le fiamme si sono propagata la scorsa notte, intorno all’una nel sito della Eurometal in contrada Pagliarone. Sul posto sono intervenute più squadre dei vigili del fuoco, provenienti da Napoli e Caserta, con un carro schiuma.

Un nube tossica si è alzata per decine di metri rendendo l’aria irrespirabile in tutta la zona circostante, dove sono presenti anche delle abitazioni. Le immagini del rogo sono state girate con un drone da alcuni attivisti della zona dei “Volontario antiroghi di Acerra”, tra cui Alessandro Cannavacciuolo, Michele Pannella e Vincenzo Petrella.

Indagini in corso da parte delle forze dell’ordine su un incendio avvenuto pochi giorni dopo l’annuncio dell’arrivo di Papa Francesco nella Terra dei Fuochi previsto per il prossimo 24 maggio.

Bergoglio ha accolto l’invito rivoltogli da monsignor Antonio Di Donna, vescovo di Acerra, una delle cittadine più martoriate dall’inquinamento ambientale. Il rapporto del Papa con la Terra dei Fuochi non inizia però soltanto adesso. Pochi anni fa, più di 80mila cartoline, sulle quali erano ritratte alcune giovani mamme con in braccio la foto del figlioletto morto di cancro, gli pervennero in Vaticano. Un grido di aiuto che il nostro popolo rivolgeva al Papa.