Sconti fino a 5mila euro per acquistare auto e moto. Diventerà operativo da lunedì 16 maggio l’incentivo per l’acquisto di veicoli varato dal governo lo scorso aprile con il Dpcm su proposta del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti e firmato dal premier Mario Draghi. Il governo ha infatti stanziato 650 milioni di euro per ciascuno degli anni 2022, 2023 e 2024 (quasi 2 miliari in tre anni) per incentivare l’acquisto di auto, moto, veicoli elettrici, ibridi e a basse emissioni. 

La piattaforma dedicata sarà operativa dal 25 maggio, ma saranno validi per l’accesso al bonus le vendite dal 16 maggio. Il decreto prevede uno sconto di 3mila euro per le auto elettriche con un prezzo fino a 35mila euro + Iva, che sale a 5mila con la rottamazione contestuale di un’auto omologata in una classe inferiore ad Euro 5. Per le ibride plug – in con un prezzo fino a 45mila euro + Iva, è possibile richiedere un contributo di 2mila euro che, con la rottamazione, sale a 4mila. Per l’acquisto di Auto endotermiche a basse emissioni, con un prezzo fino a 35mila euro + Iva, si può ottenere un contributo di 2mila euro con la rottamazione di un veicolo di classe inferiore a euro 5.

INCENTIVI ANCHE PER IL CAR SHARING – Gli incentivi sono concessi soltanto ai cittadini, ma una piccola percentuale dei fondi è riservata alle società di car sharing per l’acquisto dei veicoli elettrici, ibridi, plug-in. Invece per le piccole e medie imprese, comprese le persone giuridiche, che svolgono attività di trasporto di cose in conto proprio o in conto terzi sono inoltre previsti contributi per l’acquisto di veicoli commerciali elettrici se se ne rottama uno inferiore ad Euro 4: il bonus è di 4mila euro per i veicoli N1 fino a 1,5 tonnellate, 6mila per i veicoli N1 superiori a 1,5 tonnellate e fino a 3,5 tonnellate, 12mila per i veicoli N2 da 3,5 tonnellate fino a 7 tonnellate. Per i veicoli N2 superiori a 7 tonnellate e fino a 12 tonnellate è riconosciuto un contributo di 14mila euro.

Per i ciclomotori e motocicli elettrici e ibridi (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e) il bonus è del 30% del prezzo fino a 3mila euro, e del 40% fino a 4mila euro se viene rottamata una moto in una classe da Euro 0 a 3. Q Per i ciclomotori e motocicli termici, nuovi di fabbrica (categorie L1e, L2e, L3e, L4e, L5e, L6e, L7e) è invece previsto, a fronte di uno sconto del venditore del 5%, un contributo del 40% del prezzo d’acquisto e fino a 2500 euro con rottamazione.

“COSì 200MILA IMMATRICOLAZIONI” – “E’ una buona notizia che arriva con notevole ritardo, ma che darà comunque un apporto abbastanza significativo al mercato auto in quanto, secondo le previsioni del Centro Studi Promotor, dovrebbe determinare circa 200mila immatricolazioni di Auto in più”. E’ quanto commenta all’Ansa Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor. “La situazione del mercato Auto resta comunque critica per tutti gli altri fattori negativi che stanno penalizzando la domanda, dagli effetti della pandemia alla guerra in Ucraina, al rallentamento dell’economia, alla ricomparsa dell’inflazione e alle difficoltà di approvvigionamento delle materie prime”, aggiunge Quagliano. Il Csp conferma la previsione per il 2022 di 1.300.000 immatricolazioni, con un calo molto significativo rispetto ai livelli precedenti la crisi.

Redazione