È morta la presidente della Regione Calabria, Jole Santelli. L’ex deputata aveva 51 anni e lottava da tempo contro un cancro. Le sue condizioni si sarebbe aggravate nelle ultime ore. Si trovava nella sua casa di Cosenza quando ha perso la vita, col corpo senza vita che sarebbe stato trovato dalla sorella.

Santelli, esponente di Forza Italia sin dal 1994, era stata eletta presidente della Calabria nel febbraio scorso a capo di una coalizione di centrodestra.  Era la prima donna presidente della Regione Calabria. Il 26 gennaio scorso aveva vinto le elezioni regionali con il 55,3% delle preferenze contro Filippo Callipo del Pd (30,2%). La Santelli era stata proclamata il 15 febbraio.

Durante la campagna elettorale Santelli aveva parlato anche della sua battaglia contro la malattia, rivelando di non aver avuto paura, “neanche un po’”. “Quando hai sulle spalle la responsabilità di un’intera regione, la paura non te la puoi permettere. Come non puoi permetterti di stare chiusa in casa. La politica regionale si fa andando in Regione, non stando a casa. E io, infatti, sono stata là, alla mia scrivania”, aveva detto la Santelli.

“La governatrice della Calabria Jole Santelli è morta questa notte. Sono addolorato, eravamo amici da una vita”. Lo dice all’Adnkronos il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto. “Iole Santelli è stata il mio vicesindaco, mi è stata sempre vicina, una donna di una forza incredibile, non ho parole”, ha aggiunto.

Nella sua lunga carriera politica Jole Santelli è stata sottosegretaria al ministero della Giustizia dal 2001 al 2006 nei governi Berlusconi, oltre a sottosegretaria al ministero del Lavoro e delle politiche sociali da maggio a dicembre 2013 nel governo Letta.