Aveva utilizzato il profilo social della loro pasticceria per pubblicizzare la vendita a domicilio delle zeppole di San Giuseppe in occasione della festa del papà, contravvenendo così all’obbligo di chiusura imposto dal governo per evitare il contagio. È successo a Marano, in provincia di Napoli, dove sono scattati i sigilli per una pasticceria del posto e i carabinieri hanno denunciato il titolare e tre dipendenti dell’esercizio commerciale in corso Europa. L’accusa è di aver disatteso i provvedimenti emanati dal governo contro il Coronavirus. Tra i denunciati anche un uomo di spicco del clan Nuvoletta, famiglia criminale di Marano, che nella pasticceria lavorava come addetto alle vendite. All’interno del locale i militari hanno trovato tutto pronto per la preparazione dei dolci: amarene sciroppate, crema e impasto pronti per per essere assemblati.
La pasticceria è stata ora sottoposta a sequestro e segnalata alle autorità per la sospensione della licenza.