Sin dall’inizio della pandemia le mascherine sono state la prima arma per evitare il contagio da Covid. L’arma più semplice ma anche la più efficace, tanto che il Governo ha stabilito che in particolare le mascherine Ffp2 diventassero obbligatorie praticamente un po’ ovunque. Subito sono diventate quasi introvabili e il rischio è che il loro costo possa schizzare alle stelle. E che qualcuno possa venderne di non sicure. Come fare a destreggiarsi in questa galassia di imprevisti per essere certi di tutelare la propria salute? Qui di seguito una breve guida per sapere tutto sulle mascherine Ffp2.

Cosa sono le mascherine Ffp2?

Ffp sta per ‘face filtrant’ (filtro facciale), e in base allo standard europeo l’efficienza va da 1 a 3. Le Ffp2 filtrano in media il 94% di tutti gli aerosol (tra il 92 e il 98%), compresi i virus che si trasmettono per via aerea come il Covid-19.

Come le ‘chirurgiche’, queste maschere sono usa e getta (possono essere indossate otto ore prima di cambiarle) e sono composte da più strati di diversi tessuti, tra i quali si colloca un filtro in polipropilene capace di intrappolare anche le più piccole particelle sospese nell’aria.

Le mascherine Ffp2 quanto sono efficaci contro il covid?

Le Ffp2 (e le ancora più performanti Ffp3) hanno una capacità filtrante maggiore rispetto alle normali mascherine chirurgiche (che trattengono solo le particelle più grandi di aerosol di chi le indossa: insomma, proteggono gli altri, molto più di chi le porta) e oltre a proteggere gli altri, proteggono anche chi le indossa e sono particolarmente adatte ai luoghi chiusi o affollati, in cui il rischio di trasmissibilità è più elevato.

Le mascherine Ffp2 hanno un alto potere filtrante in uscita e verso chi le indossa (oltre il 90%), a differenza delle mascherine chirurgiche che arrivano a un massimo del 20% in ingresso e dunque sono scarsamente efficaci per chi le indossa nel proteggere se stesso.

Come per le mascherine chirurgiche l’efficacia delle Ffp2 dipende da come vengono indossate. Uno studio pubblicato a dicembre dal Max Planck Institute, un’organizzazione di ricerca tedesca, e citato dall’Economist, ha spiegato che se si prendono due persone che distano l’una dall’altra tre metri, una non vaccinata e l’altra positiva al Covid, in meno di cinque minuti la persona senza vaccino verrà infettata con quasi il 100% di certezza. Ma se le stesse persone indossano in modo corretto le maschere Ffp2 il rischio di contrarre il virus si riduce all’1%.

Se sia la persona positiva al coronavirus che quella non contagiata indossano maschere Ffp2 ben aderenti, il rischio massimo di infezione dopo 20 minuti è poco più dell’uno per mille, anche a una distanza più ridotta. Se le loro maschere sono indossate male la probabilità di infezione aumenta a circa il 4%, riducendo comunque di molto il rischio di infezione.

Come fare a verificare che le mascherine Ffp2 siano a norma e certificate

Sin dall’inizio della pandemia in tanti si sono chiesti come fare a verificare che le mascherine siano davvero a norma e certificate. Il rischio di acquistarne non buone è dietro l’angolo. Come fare a capire se sono buone? La Commissione Europea ci mette a disposizione uno strumento online per fare una prima verifica: si chiama database NANDO.

Per verificare basta inserire il numero a quattro cifre (es. 2163) che si trova accanto al marchio CE, nel campo “Keyword On Notified body number”; cliccando su “Search” appare il nome dell’ente che ha rilasciato la certificazione. Se questo non avviene è necessario verificare se questo sia presente negli elenchi dei dispositivi validati in deroga dall’Inail ai sensi del decreto Cura Italia del 17 marzo 2020.

A questo punto cliccare quindi sul nome dell’ente certificatore e assicurarsi che nella scheda “Legislation” compaia la dicitura “Personal protective equipment”; controllare che nel corrispondente file Html o Pdf sia riportata la voce “Equipment providing respiratory system protection”. È la garanzia che le mascherine sono state validate da un’agenzia autorizzata dall’Unione Europea a rilasciare certificazioni per dispositivi di protezione delle vie respiratorie.

Se manca il marchio CE o il numero indicato non trova corrispondenza con quelli registrati dalla Commissione Europea, se sono mancanti o poco chiare le informazioni relative al produttore, è sempre preferibile evitare l’acquisto.

Dove comprare le mascherine Ffp2 e quanto costano?

È possibile acquistare le mascherine Ffp2 in farmacia, nei supermercati, in alcune tabaccherie e online. Il prezzo attualmente varia tra i 50 centesimi e i 2,50. Ma il rischio che con l’incalzante richiesta il costo aumenti è grande.

Mercoledì 29 dicembre il Consiglio dei ministri, in cui l’esecutivo ha deciso di varare una stretta nei confronti dei non vaccinati istituendo di fatto un lockdown per i no Vax e modificata anche la gestione della quarantena, è stata trovata una intesa per calmierare il prezzo delle mascherine Ffp2.

L’esecutivo ha quindi dato mandato alla struttura commissariale guidata dal generale Francesco Paolo Figliuolo di stipulare apposite convenzioni con le farmacie. Un percorso simile a quanto già effettuato per i tamponi rapidi, passati con l’intervento del governo per calmierare i prezzi come già accaduto con i tamponi, passati da 22 a 15 euro (o 8 nel caso di minori).

Un ‘indizio’ sul tema è arrivato dal salute Andrea Costa : “Per le mascherine Ffp2 credo che dobbiamo ragionare nell’ordine di idee del costo di 1 euro. È stata data una risposta precisa su questo nel Consiglio dei ministri di ieri: è previsto un prezzo calmierato e credo sia una misura giusta perché nel momento in cui abbiamo obbligato i cittadini, anche coloro che si sono vaccinati“.

La Struttura Commissariale e le Associazioni di categoria hanno raggiunto l’accordo per la vendita in farmacia di mascherine Ffp2 al prezzo calmierato di 75 centesimi di euro l’una. L’accordo sara’ siglato a breve, e le adesioni saranno sottoscritte attraverso il sistema tessera sanitaria.

D’intesa con il ministero della Salute e sentito l’Ordine dei Farmacisti, il generale Francesco Figliuolo ha raggiunto un accordo con FederFarma, AssoFarm e FarmacieUnite per la vendita delle mascherine Ffp2 a prezzo calmierato presso le farmacie aderenti.

Laureata in Filosofia, classe 1990, è appassionata di politica e tecnologia. È innamorata di Napoli di cui cerca di raccontare le mille sfaccettature, raccontando le storie delle persone, cercando di rimanere distante dagli stereotipi.