Più di 80 tombe sono state profanate in un cimitero ebraico a Randers, nella Danimarca occidentale. Lo ha riferito la polizia, che ha aperto un’indagine.”Più di 80 lapidi sono state dipinte con graffiti verdi e alcune lapidi sono state abbattute” nel cimitero di Kirkegård di Randers, secondo quanto riferito dalla polizia dello Jutland orientale.

“Non ci sono simboli o testi scritti sulle lapidi, ma la vernice è stata versata”, ha detto il portavoce della polizia Bo Christensen, secondo l’agenzia di stampa locale Ritzau. Una denuncia è stata presentata sabato pomeriggio, ma la polizia ha detto di ignorare quando esattamente le tombe siano state profanate. Non sembra essere del tutto casuale la coincidenza con l’81esimo anniversario della “Notte dei cristalli del Reich”, quando tra il 9 e il 10 novembre del 1938 in Germania centinaia di cittadini ebrei furono uccisi dai nazisti e furono distrutte sinagoghe, cimiteri, negozi e case.

Il cimitero ebraico di Randers fu istituito all’inizio del XIX secolo. Con circa 200 persone, la città era la più grande comunità ebraica fuori Copenaghen. Circa 6mila ebrei vivono oggi in Danimarca, principalmente nella capitale.