Una scossa di terremoto, legata presumibilmente al fenomeno del bradisismo, è stata avvertita dalla popolazione nella zona dei Campi Flegrei a Napoli, a partire dai quartieri di Bagnoli, Pianura e Fuorigrotta, e, soprattutto, nel vicino comune di Pozzuoli e nella frazione napoletana di Agnano.

Stando anche ai grafici che l’Osservatorio Vesuviano, sezione di Napoli dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, pubblica a puro titolo divulgativo sul proprio portale (ovvero i segnali in tempo reale di una selezione di stazioni sismiche della Rete di Monitoraggio), la scossa sarebbe avvenuta alle 20.27 di sabato 19 giugno.

In attesa dei rilievi ufficiali dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, sui social sono numerose le testimonianze dei cittadini, soprattutto residenti a Pozzuoli. “E’ stata bella forte” ha commentato più di qualche utente. Scosse del genere, anche con magnitudo bassa (spesso non superiore a 2), vengono sentite nitidamente dalla popolazione per avvengono a una profondità di pochi chilometri.

AGGIORNAMENTO: I sismografi dell’Osservatorio Vesuviano hanno registrato una scossa di magnitudo 1.7 della scala Ritcher avvenuta alle 20,27 a una profondità di 2,3 chilometri e con epicentro nella zona compresa tra Solfatara e Pisciarelli.

Una scossa di magnitudo 1.7 della scala Ritcher è stata rilevata alle ore 20,27 dai sismografi dell’Osservatorio Vesuviano con epicentro nella zona tra la Solfatara e i Pisciarelli ad una profondità di 2.3 chilometri. Non si segnalano danni a persone o cose. Dall’inizio dell’anno sono stati 474 gli eventi tellurici rilevati nei Campi Flegrei, la maggior parte dei quali di bassisima magnitudo.

Giornalista professionista, nato a Napoli il 28 luglio 1987, ho iniziato a scrivere di sport prima di passare, dal 2015, a occuparmi principalmente di cronaca. Laureato in Scienze della Comunicazione al Suor Orsola Benincasa, ho frequentato la scuola di giornalismo e, nel frattempo, collaborato con diverse testate. Dopo le esperienze a Sky Sport e Mediaset, sono passato a Retenews24 e poi a VocediNapoli.it. Dall'ottobre del 2019 collaboro con la redazione del Riformista.