Nessun settore chiuso per la partita tra Verona e Fiorentina, in programma domenica prossima. Dopo gli ululati razzisti rivolti a Mario Balotelli lo scorso 3 novembre e la successiva chiusura per un turno del settore Poltrone Est dello stadio Bentegodi decisa dal giudice sportivo della serie A Gerardo Mastrandrea, nelle scorse ore la Corte Sportiva d’Appello nazionale della Figc ha sospeso la squalifica disponendo un supplemento istruttorio per esaminare il ricorso presentato dal club veneto. “Sono molto deluso” ha commentato il presidente della Federcalcio Gabriele Gravina ai suoi più stretti collaboratori, così come appreso dall’Ansa.

SODDISFAZIONE VERONA –  “E’ un provvedimento ragionevole che ci soddisfa: siamo riusciti con grande impegno e determinazione ad evidenziare all’organo giudicante le varie incongruenze emerse dall’analisi degli atti ufficiali di gara, ora meritevoli di approfondimento, soprattutto in merito all’assoluta ingiustizia di colpevolizzare un intero settore”. Così il direttore operativo del Verona, Francesco Barresi che aggiunge: “Attendiamo fiduciosi l’esito del supplemento di indagine, auspicando naturalmente una definitiva decisione favorevole e, in ogni caso, equa per il club e per la nostra tifoseria, anche alla luce della valutazione della giustizia sportiva, in casi analoghi, durante la corrente stagione sportiva”, afferma ancora Barresi sul sito del club. “L’Hellas continuerà a collaborare con tutte le autorità competenti affinché, al Bentegodi come in trasferta, venga seguito un comportamento corretto e rispettoso dei principi e dei valori etici e morali, cui il club si ispira da sempre. Aspettiamo tutti i nostri tifosi domenica allo stadio con il sostegno aggiuntivo di quasi mille bambini del Progetto Scuola, come già avvenuto in precedenti occasioni”.

La società scaligera aveva comminato il Daspo fino al 2030 al capo ultras Luca Castellini dopo la vergognosa intervista rilasciata a una emittente radiofonica.

BALOTELLI CACCIATO –  “Mario vai, Mario vai!”. Con queste parole Fabio Grosso ha mandato via Mario Balotelli dall’allenamento odierno del Brescia in vista della ripresa del campionato. Una seduta movimentata quella di Torbole, con un Balotelli apparso particolarmente nervoso e che intorno alle 16 è stato mandato negli spogliatoi dall’allenatore. Secondo quanto riferisce il Giornale di Brescia, Balotelli si è diretto subito verso lo spogliatoio da dove è uscito alle 16.16 per far ritorno a casa con la propria auto mentre la squadra terminava l’allenamento. L’ufficio stampa delle Rondinelle ha spiegato quanto accaduto sostenendo che “Balotelli è stato sostituito da Grosso durante le prove tattiche della partitella e ha raggiunto anzitempo gli spogliato”.