Con  l’addio alla zona arancione Roma torna alla normalità. In pratica un ritorno al caos e al traffico. Tutti in coda sul Raccordo Anulare per una manifestazione degli ambulanti che hanno occupato la corsia interna del Raccordo dall’Ardeatina all’Appia, creando oltre 11 km di code sino alla Roma-L’Aquila. Il resto lo ha fatto la pioggia che è caduta abbondantemente dalle prime ore del mattino, creando decine di micro incidenti. Alle 9 del mattino, il tempo stimato per passare dal nord a sud del Raccordo e quindi percorrere più o meno 30 chilometri, è stato stimato in circa un’ora. “Oggi gli ambulanti di Roma protestano contro le decisioni della giunta Raggi che vuole applicare di fatto la Bolkestein disconoscendo il diritto al rinnovo alle concessioni e rendere di fatto precario il lavoro di 12mila persone”, spiega uno dei manifestanti.
CENTRO IN TILT
Anche il centro storico è andato letteralmente nel caos: due manifestazioni stanno paralizzando il cuore della città. Bloccata l’area a ridosso di Palazzo Chigi e l’intero Tridente. Il traffico è stato deviato su via Veneto e corso d’Italia dove i vigili registrano fortissimi rallentamenti. Un presidio di protesta è in corso anche a piazza della Repubblica.

Redazione