“Legalità, libertà e giustizia… questi devono essere i principi fondanti di una società e di uno Stato come il nostro. Valori per cui hanno lottato a testa alta tutte le vittime di mafia: chi è stato privato brutalmente della propria vita perché ha detto “no” e non ha abbassato mai la testa, facendo qualcosa di concreto contro la criminalità organizzata ed opponendosi fermamente ad ogni tipo di ingiustizia, minaccia o sopruso. E’ in loro memoria che, in occasione del trentennale delle stragi di Capaci e via D’Amelio, in piazza Anco Marzio ad Ostia, LUNEDÌ 23 maggio alle ore 17, con i ballerini del Liceo Coreutico Giovanni Paolo II faremo un flash mob del ricordo contro ogni tipo di mafia”.

A parlare è Maricetta Tirrito, portavoce del Co.G.I (Il Comitato dei collaboratori di giustizia). “Sarà un’occasione di raccoglimento e condivisione – spiega Tirrito – in una giornata così importante per la lotta alle mafie di tutti i tipi. Tanti gli ospiti che ne prenderanno parte per riflettere insieme su quanto abbiamo fatto e quanto ancora si può fare restando uniti, ognuno di grande spessore: Valeria Grasso, imprenditrice Antimafia; il Capitano Ultimo, l’uomo che arrestò il Capo dei Capi di Cosa Nostra; il regista Ambrogio Crespi e Fausto D’Aleo, il fratello del carabiniere Mario ucciso a Monreale. Tra gli invitati anche il presidente del X Municipio Mario Falconi e i rappresentati del commissariato di Polizia e dei Carabinieri”.

“Confidiamo in una grande partecipazione della collettività – conclude Tirrito –. La memoria ha un valore inestimabile e va usata come esempio per portare avanti il baluardo della legalità”.