Ha preferito nascondere i sintomi influenzali che avvertiva da giorni pur di non rinunciare all’operazione di rinoplastica a cui stava per essere sottoposto. È accaduto all’ospedale Parini di Aosta, dove un uomo, risultato poi positivo al Coronavirus, la scorsa settimana ha contagiato l’anestesista, il chirurgo e l’infermiere che stavano per operarlo. Ad accorgersi dei sintomi sospetti del paziente è stato lo stesso anestesista in sala pre operatoria che ha notato un aumento della temperatura corporea dell’uomo. Dati i sintomi, l’uomo è stato sottoposto al tampone, che ha accertato il contagio.

Stando alle prime ricostruzioni il paziente, che lavora nel settore turistico, era entrato in contatto con alcune persone provenienti dalla Lombardia nelle scorse settimane. Proprio allora sarebbe avvenuto il contagio che si era poi manifestato, nei giorni successivi, con raffreddore, tosse e bruciore agli occhi.

Ora la Procura potrebbe aprire un fascicolo a suo carico e l’uomo rischia un’imputazione per lesioni personali colpose o, e sarebbe l’ipotesi più grave, un’accusa di epidemia colposa.