Una rivoluzione per i possessori di auto, scooter e moto arriverà a partire dal prossimo anno. Una norma approvata come emendamento al decreto fiscale appena passato al giudizio della Commissione Finanze della Camera attribuirà dal gennaio 2020 il diritto di assicurare tutti i veicoli (compresi moto e scooter) posseduti in famiglia con la migliore classe di merito disponibile.

COME CAMBIA L’ASSICURAZIONE – Di fatto così l’RcAuto diventerà una assicurazione “familiare”. Se, ad esempio, in una famiglia si ha la disponibilità di un veicolo assicurato in prima classe, tutti gli altri componenti del nucleo familiare potranno fruire della prima classe su qualsiasi altro veicolo, anche moto e scooter, e soprattutto anche se già assicurati e con classi di merito meno favorevoli, compreso la 14esima.

LA REAZIONE DELL’UNIONE NAZIONALE CONSUMATORI – “Bene il calo, ma non basta”. Lo afferma Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, commentando il Bollettino statistico diffuso dall’Ivass, che mostra un calo annuo dell’1,2% nel 2018 del prezzo medio dell’Rc auto. “Intanto perché i consumatori pagano anche le imposte, decisamente troppo elevate, poi perché sborsiamo sempre più degli altri Paesi europei e infine perché permangono ancora troppe disparità territoriali, che non sempre corrispondono ad un maggiore tasso di sinistrosità”, prosegue Dona, sottolineando comunque che “rispetto alle differenze tra Bolzano e Napoli, la soluzione non può essere la tariffa media nazionale ora in discussione in Parlamento. Si tratterebbe, infatti, delle vecchie compensazioni tra province già bocciate, che rientrano dalla finestra sotto forma di tetto di aumento del 20%”. “Le compagnie, non potendo salire oltre il 20% rispetto alla tariffa uniforme fissata, compenserebbero i minori introiti sugli altri automobilisti. Non è giusto, però, che la riduzione per chi sta a Napoli sia pagata da quelli di Bolzano. Si tratterebbe del solito giochino delle 3 carte”, conclude Dona.

LEGGI ANCHE – Decreto fiscale, le novità approvate in commissione Finanze

QUANTO SI RISPARMIA – Ma quanto potranno risparmiare gli italiani con questo provvedimento? Una analisi l’ha fatta Facile.it, che ha provato a quantificare il possibile risparmio considerando una famiglia composta da 4 membri che assicura 2 automobili e due 2 scooter. La simulazione è stata realizzata su tre città campione: Milano, Firenze e Bologna.

A Milano, la media delle migliori tariffe disponibili su Facile.it per assicurare un veicolo a quattro ruote da in prima classe è pari a 234,7 euro, mentre per assicurare uno scooter di cilindrata 100cc, secondo le simulazioni di Facile.it, il miglior prezzo per chi guida in quattordicesima classe è pari a 484 euro, valore che scende a 138 euro se l’assicurato è in prima classe. Per una famiglia con due auto intestate ai genitori, entrambi in prima classe di merito, e due scooter assicurati in quattordicesima classe, il costo totale sarebbe pari a oltre 1.430 euro l’anno. Con la normativa vigente, non è possibile traferire la classe di merito dall’auto ad un veicolo a due ruote quindi, anche se in prima classe di merito, i genitori che assicurano per la prima volta uno scooter o una moto devono partire dalla quattordicesima classe. Con la nuova norma, invece, la classe di merito maturata sull’auto passerebbe anche alle due ruote con un risparmio, per la nostra famiglia milanese, di circa 690 euro, vale a dire circa il 48% in meno rispetto a quanto pagherebbe oggi.

Stessa famiglia, città diversa. A Firenze la media delle migliori tariffe disponibili su Facile.it per assicurare un veicolo a quattro ruote in prima classe di merito è pari a 328,5 euro. Se si guarda alla migliore tariffa disponibile sul comparatore per assicurare un veicolo a due ruote di cilindrata 100cc, invece, il premio è pari a 142 euro se si è in prima classe di merito, ma schizza fino a 670 euro per chi è in quattordicesima classe. Considerando una famiglia che assicura 2 auto in prima classe di merito e 2 scooter in classe 14, la spesa totale sostenuta sfiorerebbe addirittura i 2.000 euro. Con l’entrata in vigore della nuova norma, invece, la classe di merito dei due scooter passerebbe dalla quattordicesima alla prima, con un risparmio complessivo del 53%, vale a dire oltre 1.000 euro in meno.

La media delle migliori tariffe disponibili su Facile.it per assicurare un veicolo a quattro ruote in prima classe di merito a Bologna è pari a 293 euro. Per uno scooter 100cc, invece, la miglior tariffa disponibile sul comparatore va da 145 euro per chi guida in prima classe di merito a 549 euro per chi è in quattordicesima. Secondo la simulazione, oggi una famiglia bolognese con 2 auto in prima classe di merito e 2 scooter in quattordicesima classe pagherebbe, complessivamente, quasi 1.690 euro. Con l’entrata in vigore della nuova norma, invece, il costo complessivo calerebbe del 48%, con un risparmio di circa 810 euro.