La città epicentro della protesta contro il Green pass al ballottaggio. Trieste torna alle urne per decidere chi guiderà il capoluogo friuliano nei prossimi 4 anni dopo che dai risultati delle urne del 3 e 4 ottobre scorso nessuno dei candidati aveva ottenuto il 50 per cento più uno dei voti.

Sfida a due dunque tra il sindaco uscente di centrodestra Roberto Dipiazza e il vicepresidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia-Giulia, il dem Francesco Russo.

Il primo parte favorito dopo il risultato del primo turno: Dipiazza aveva sfiorato la vittoria ottenendo il 46,9% dei voti contro il 31,6% dell’esponente del Partito Democratico.

Russo spera di poter ribaltare il risultato anche grazie al sostegno di due ex candidati sindaco dell’area di sinistra che hanno dichiarato il loro appoggio al vicepresidente del Consiglio regionale: si tratta di Riccardo Laterza, il 28enne che alla guida della lista “Adesso Trieste” aveva ottenuto quasi il 9% al primo turno, e le due liste di Tiziana Cimolino (Sinistra in Comune e la lista dei Verdi).

Per Dipiazza la vittoria sarebbe il trionfo della continuità: il sindaco uscente cerca infatti l quarto mandato alla guida del capoluogo friuliano dopo averlo guidato dal 2001 al 2011 e poi ancora dal 2016 ad oggi.

IL VOTO LIVE A TRIESTE Alle 15 si chiudono i seggi e inizia lo spoglio.

Ore 17.12 – Roberto Dipiazza è, per la quarta volta, sindaco di Trieste. Candidato del centrodestra, ha vinto il ballottaggio contro il candidato del centrosinistra, Francesco Russo, autore tuttavia di una incredibile rimonta. Lo ha detto lui stesso – “ho vinto” – intervenendo in collegamento in diretta con l’emittente televisiva TeleQuattro, quando mancano sei sezioni al termine dello spoglio ed è in vantaggio di circa tre punti, 51,6% contro 48,4%. Russo partiva da quasi 16 punti di svantaggio. Quando sono state scrutinate tutte le 238 sezioni, il dato definitivo e’ 51,29% per Dipiazza e 48,71% per Russo. Sono stati 76.613 i votanti mentre i voti validi sono stati 75.674. Dipiazza ha riferito di aver gia’ telefonato all’antagonista per annunciargli la disponibilità a una maggiore condivisione nel grande progetto di trasformazione del Porto Vecchio.

Ore 17.10 – Vittoria a Trieste al ballottaggio con il 51,29 per cento dei voti del candidato sindaco uscente del centrodestra, Roberto Dipiazza, sul rivale del centrosinistra, Francesco Russo, che si attesta al 48,71 per cento. E’ quanto rende noto il servizio elettorale della regione autonoma Friuli-Venezia Giulia.

Ore 17.00  – Il sindaco uscente di Trieste, Roberto Dipiazza, si avvicina alla riconferma con il 51,5% con quasi la totalità delle schede scrutinate, come riporta La7. Lo sfidante del centrosinistra, Francesco Russo è fermo al 48,4%.

Ore 16.50 – Il secondo dato parziale dello spoglio per il ballottaggio a Trieste, 232 sezioni su 238, conferma il vantaggio, sebbene in diminuzione, del sindaco uscente di centrodestra, Roberto Dipiazza, al 51,6%, con circa 2.300 voti in più rispetto al candidato del centrosinistra Francesco Russo, al 48,4%.

Ore 16.45 – Il dato complessivo dell’ affluenza  a Trieste è del 41,5% (-4,8% rispetto alla stessa ora del 1° turno).  Affluenza ore 15 al ballottaggio 2016 nella stessa città (voto in un solo giorno): 47,4% (-6,1% rispetto alla stessa ora del 1° turno).

Ore 16.19 – La percentuale di affluenza finale per le elezioni nel Comune di Trieste al turno di ballottaggio è stata pari al 42%. Hanno votato in 77816 su 184489 elettori. Lo comunica il Servizio elettorale della Regione.

Ore 16.10 –  Sono state scrutinate 140 sezioni su 238. I risultati portano in lieve vantaggio Dipiazza (CDX) al 52,8% e Russo (CSX)al  47,2%.

Ore 16.00 – Secondo le proiezioni del Consorzio Opinio per Rai, nella corsa a sindaco di Trieste il candidato di centrodestra Roberto Dipiazza sarebbe al 51,2% dei voti, mentre Francesco Russo al 48,8%.

Ore 15 .00 – In base al primo Exit poll del consorzio Opinio Italia per la Rai, al ballottaggio per le comunali di Trieste, Roberto Dipiazza (centrodestra) e Francesco Russo (centrosinistra) si attestano entrambi tra il 48 e il 52. L’esito delle elezioni è ancora incerto.

 

 

Redazione