15 persone tra cui 11 poliziotti per prelevare un bambino perché la madre è stata definita “ostativa” dal Tribunale di Pisa. “Difficile trattenere l’indignazione di fronte al racconto dell’ennesimo prelievo forzato di un bambino, sottratto come se fosse un criminale alla mamma perché giudicata ‘ostativa’, un trauma brutale inflitto dalla Giustizia che avrebbe il compito di fare sempre l’interesse del minore”, denuncia Antonella Veltri, presidente di D.i.Re  sul prelievo forzato del bambino di 8 anni nella città Toscana, raccontato stamattina da DonneXDiritti.

“La madre, ancora una volta, è stata giudicata ‘ostativa’ ma il dispiegamento di forze, l’atteggiamento degli 11 poliziotti intervenuti a supporto dei servizi sociali, le modalità con cui il bambino è stato costretto a seguirli, niente in questa vicenda ci sembra fatto nel superiore interesse del minore, che pure dovrebbe guidare l’azione della magistratura”, ha continuato Veltri.

“D.i.Re ha scritto una lettera aperta al presidente della Repubblica Mattarella e alle ministre Cartabia e Bonetti, rimasta finora senza risposta, mentre sono decine le donne e madri seguite dai nostri centri antiviolenza che un vivono nel terrore che possa succedere loro la stessa cosa e che non hanno più alcuna fiducia in questa giustizia vergognosa”, ha aggiunto Veltri.

“Il 17 giugno alle 15 saremo in presidio davanti a Montecitorio. Dietro definizioni come ‘madre ostativa’, ‘simbiotica’, ‘istrionica’ si cela sempre la famigerata PAS, l’inesistente sindrome da alienazione parentale. È ora che esca definitivamente dai tribunali, se questo Paese vuole ancora conservare un barlume della sua dignità quando chi ci governa annuncia a gran voce di volersi impegnare contro la violenza maschile sulle donne”, ha concluso la presidente di D.i.Re.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.