Triste storia quella che ha visto coinvolto un bambino di 7 anni in Texas, negli Stati Uniti. John Terrel, di 27 anni, ha scoperto che il figlio della sua fidanzata ha preso un brutto voto a scuola, così lo ha costretto a fare una doccia bollente. Il getto dell’acqua era così caldo che il bambino ha riportato delle gravi ustioni sul cuoio capelluto, ma è stato portato in ospedale solo dopo due giorni dall’aggressione. Il patrigno è stato fermato con l’accusa di percosse e maltrattamenti nei confronti di minore.

LA VICENDA – Il piccolo è tornato a casa con un brutto rendimento a scuola, questo è bastato per scatenare l’ira del patrigno picchiandolo e gettandolo sotto la doccia bollente come punizione. Il bimbo avrebbe riportato gravi ustioni sul cuoio capelluto e sul 26% del corpo. La donna ha provato a difendere se stessa e il compagno dicendo che si è trattato di un incidente e che il piccolo sarebbe finito sotto la doccia per sbaglio accidentalmente. Ma dalle indagini effettuate risulterebbe che la donna sarebbe coinvolta di visto che non ha immediatamente soccorso il figlio ed è accusata di favoreggiamento.

Redazione