È stato arrestato e tradotto in carcere per un carosello in Ferrari nelle vie del Paese, ma era agli arresti domiciliari: una prova di forza secondo le forze dell’ordine. Pasquale Cristiano, ritenuto elemento di vertice del clan 167 operante ad Arzano, costola del clan Amato-Pagano, è stato prelevato dai carabinieri della Tenenza di Arzano e dal Nucleo Investigativo di Castello di Cisterna.

La Ferrari era stata noleggiata. Con la fuoriserie, decappottabile, di ultimissima generazione, Cristiano girava in centro, accompagnato da altri veicoli di grossa cilindrata e persone a piedi. Alcuni pregiudicati, tutti identificati dai carabinieri. Lo scorso 6 giugno l’uomo era stato autorizzato a partecipare alla comunione del figlio, ma era stata rigettata la richiesta finalizzata alla partecipazione ai festeggiamenti. Per i militari il comportamento di Cristiano ha generato disagio alla circolazione e non avrebbe rispettato modi e tempistiche per il percorso imposto dall’obbligo di immediato rientro presso la sua abitazione.

I carabinieri hanno giudicato l’atteggiamento di Cristiano come una “prova di forza” atta a comunicare la sua presenza e affermazione sul territorio. Video del cosiddetto “Carosello” sono stati postati anche sui social network da parte dei protagonisti. Il provvedimento è stato adottato dalla Corte di Appello di Napoli su richiesta della Procura Generale, sulla base di un’informativa dei Carabinieri di Arzano che hanno documentato e evidenziato la condotta dell’uomo. A fondamento dell’ordinanza anche ulteriori passate violazioni alla misura domiciliare. Cristiano avrebbe mostrato in più occasioni insofferenza ai controlli di routine della Forze di polizia.

Giornalista. Ha studiato Scienze della Comunicazione. Specializzazione in editoria. Scrive principalmente di cronaca, spettacoli e sport occasionalmente. Appassionato di televisione e teatro.