“Oggi abbiamo scoperto che c’è un negoziato che è da un anno in corso: il delirio collettivo sul Mes è stato suscitato dal leader dell’opposizione, lo stesso che qualche mese fa partecipava ai tavoli discutendo di Mes, perchè abbiamo avuto vertici di maggioranza con i massimi esponenti della Lega, quattro incontri e ora c’è chi scopre che era al tavolo a sua insaputa'”. Così il premier Giuseppe Conte a margine dell’assemblea dell’Anci ad Arezzo risponde alle provocazioni di Salvini che lo aveva accusato di aver agito “di nascosto” sul Mes.

Il premier Giuseppe Conte riferirà il 10 dicembre al Senato sul Mes (Meccanismo europeo di stabilità), il cosiddetto fondo salva Stati europei. L’ha deciso la conferenza dei capigruppo di Palazzo Madama. Lo stesso giorno erano già previste comunicazioni del premier in vista del Consiglio europeo del 12 e 13 dicembre. Come ha poi spiegato il capogruppo del Pd al Senato Andrea Marcucci, a quell’informativa si aggiungerà anche la questione Mes.

“Oggi ci si meraviglia e lo stesso partito che partecipava a vertici di maggioranza sul tema scopre l’esistenza del Mes e grida allo scandalo: questo è un atteggiamento irresponsabile”. Ha continuato Conte rispondendo alle accuse di Salvini. “Come i cittadini pretendono dal governo un atteggiamento responsabile, così io pretendo un’opposizione seria, credibile, perchè difendiamo tutti gli interessi nazionali, altrimenti è un sovranismo da operetta”, sottolinea.