Dal 2 al 5 dicembre 2019 Napoli ospiterà la Cop21 della Convenzione di Barcellona, l’accordo per la protezione del Mar Mediterraneo dai rischi dell’inquinamento. All’appuntamento, oltre all’Italia, prenderanno parte i rappresentanti dei ministeri dell’Ambiente degli altri 21 Paesi che hanno ratificato l’accordo.

Nei giorni della Cop21 di Napoli ci saranno alcuni appuntamenti collaterali promossi ed ideati da Connect4Climate ed organizzati in collaborazione con Let’s do It! Italy ed il ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. La prima attività si volgerà il 2 dicembre nel quartiere di Napoli est San Giovanni a Teduccio. All’azione di pulizia e di riqualificazione della spiaggia di vicoletto Municipio (nei pressi della biblioteca Labriola) prenderanno parte gli studenti delle scuole del territorio. Oltre al cleanup ci sarà l’installazione di panchine e il ripristino della doccia che si trova in spiaggia. Spazio anche al musicista Maurizio Capone che terrà un laboratorio sul riutilizzo del materiale raccolto attraverso una performance musicale. All’azione interverrà anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa.

Il 3 dicembre alle 18 ci sarà l’evento #savethemediterranean Musica per l’Ambiente presso Made in Cloister (piazza Enrico De Nicola, 48). Il dj set a cura di Samuel dei Subsonica sarà supportato dai musicisti di Napoli Segreta. Già attivo nella salvaguardia della natura il cantautore stimolerà un cambiamento positivo attraverso la musica. L’evento è su prenotazione sulla piattaforma EventBrite.

Un altro appuntamento avrà luogo mercoledì 4 dicembre dalle 17 alle 19 al Nest (Napoli est teatro) sito in via Bernardino Martirano 14 nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. All’evento Artisti per l’Ambiente si esibirà il gruppo musicale Cosmorama, mentre l’attore Adriano Pantaleo porterà in scena un monologo sull’ambiente supportato dalle musiche della compagnia teatrale del Nest. Al termine ci sarà un dibattito con il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. In contemporanea all’esterno del teatro saranno visitabili la mostra fotografica SubScatti a cura di Fondali Campania e lo stand di Poesie Metropolitane.

«Non vogliamo che Cop21 sia un evento chiuso e relegato alla partecipazione delle delegazioni. Crediamo fortemente in eventi come questi aperti ai cittadini e che lasciano nella città un segnale tangibile del loro passaggio. Cultura, cura del territorio, coinvolgimento dei giovani, musica, teatro, cittadinanza attiva: sono gli elementi su cui vogliamo puntare per lasciare il segno a Napoli e far capire a tutti che quanto verrà deciso nei lavori istituzionali riguarderà direttamente la vita di ciascuno di noi, e il nostro futuro». A dirlo il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa.

Gli eventi sono promossi da Connect4Climate con il sostegno di Cop21 – Napoli, ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, Un Environment programme, Let’s do It! Italy, Regione Campania, Comune di Napoli.