“La passeggiata di Salvini? Più o meno la stessa buccia di banana su cui è scivolato il Papa che è andato in giro a passeggiare a Roma più o meno nella stessa zona in cui è andato Salvini. E di certo non per andare al supermercato”.

Il segretario del Carroccio come papa Bergoglio. È il parallelo tracciato dal direttore de Il Giornale, Alessandro Sallusti, in collegamento a Otto e mezzo su La7. Il giornalista commenta così le due fotografie, scattate domenica scorsa per le vie di Roma, che hanno fatto molto discutere. Nella prima si vede il Pontefice e la sua scorta a piedi, lungo via del Corso, l’Altare della Patria alle spalle. Avanza solo, non c’è folla intorno a lui.Un’immagine singolare e impensabile, fino a qualche settimana fa, e che nei prossimi decenni servirà da sintesi a chi vorrà capire lo strano momento che il Paese sta attraversando.

L’altra fotografia, invece, ritrae l’ex ministro dell’Interno Matteo Salvini, anche lui a piedi insieme alla scorta, qualche chilometro più in là rispetto al Pontefice. Mano nella mano con la fidanzata Francesca Verdini è stato fotografato in via del Tritone. Uno scatto che ha suscitato molte polemiche alle quali il segretario della Lega ha risposto rivendicando il suo diritto ad andare in farmacia o fare la spesa, come qualsiasi cittadino italiano.

Eppure, nonostante i contesti simili, l’accostamento tra le due immagini azzardato dal direttore Sallusti stride. Tanto che la stessa padrona di casa Lilli Gruber fa notare la differenza di ruoli tra i due protagonisti della vicenda. “Certo – replica Sallusti -. Ma anche Conte l’altro giorno era fuori in attesa di entrare in un negozio per fare la spesa”.