Vietato non sognare con il calciomercato. Lo sanno bene i tifosi della Roma che in queste ore devono fare i conti con una clamorosa, quanto al momento inverosimile, indiscrezione: Cristiano Ronaldo potrebbe tornare in Italia dopo le tre stagioni alla Juventus e vestire la maglia giallorossa, riabbracciando tra l’altro José Mourinho, portoghese come lui (hanno anche lo stesso agente, Jorge Mendes) e suo vecchio allenatore al Real Madrid. 

Che CR7 voglia cambiare aria dopo un anno trascorso nel “suo” Manchester United è cosa nota. L’ambizione del fuoriclasse di Madera, che a febbraio compirà 38 anni, è sempre quella di competere ad altissimi livelli e la fallimentare stagione scorsa dei Red Devils, fuori dalla Champions, avrebbe spinto Ronaldo a guardarsi intorno.

A Roma l’entusiasmo è alle stelle, alimentato da audio whatsapp inoltrati di cellulare in cellulare che darebbero per fatto l’accordo. “Ha firmato, ha firmato, a Maiorca in gran segreto, ci siamo” si ascolta in una nota vocale inoltrata più volte. In un’altra si sente: “Confermo, confermo, il nome è quello, è Cristiano, quindi prepariamoci”. Addirittura c’è chi ipotizza anche la data dell’annuncio ufficiale: sarebbe quella di mercoledì 29 giugno con la Roma che avrebbe prenotato lo stadio Olimpico per una presentazione in grande stile.

Ma si sa, i rumors durante le sessioni di calciomercato non mancano mai, così come i sogni impossibili. E Ronaldo ad oggi rappresenta un sogno quasi proibito per la Roma per svariate ragioni. In primis c’è da valutare l’aspetto relativo all’ingaggio del campione portoghese che nell’ultimo anno al Manchester United ha guadagnato circa 23 milioni di euro, sette in meno dei 30 che la Juve gli ha assicurato per ognuno dei tre anni in bianconero. La Roma può permettersi un ingaggio del genere, anche in caso di un leggero sconticino di CR7?

Poi c’è da trattare con il Manchester perché Ronaldo ha ancora un altro anno di contratto che scadrà a fine giugno 2023. Difficilmente gli inglesi lo lasceranno andare via gratis (anche se risparmierebbero il lauto ingaggio).

Altro aspetto da non sottovalutare è il seguente: il numero 7 ama la Champions, vuole giocarla a tutti i costi perché è lì che giocano i campioni. E la Roma in Champions il prossimo anno non ci sarà. 

Ma sognare è lecito e i tifosi giallorossi sperano colpaccio (nonostante l’età del giocatore e il sacrificio economico che comporta) e nella mediazione di José Mourinho. “Non succede ma se succede…” tanto per ricordare qualche vecchio slogan della tifoseria capitolina.

Anche i bookmaker continuano a crederci: la quota dell’arrivo di CR7 in giallorosso era già scesa da 16 a 9 nelle scorse settimane, fino ad arrivare a 6 volte la posta su Sisal. L’opzione favorita, riporta Agipronews, rimane comunque la conferma allo United, a 1,20, mentre PSG, Real Madrid e Sporting Lisbona sono date a 12. Per il Mundo Deportivo, quotidiano sportivo spagnolo, ci sarebbe anche il Bayern Monaco nella corsa a Ronaldo.

Redazione

Autore