Un pizzico di fiducia, tanta passione e coraggio quanto basta. Possono sembrare banali, ma spesso gli ingredienti più semplici portano alla ricetta vincente. E’ il caso di Ilaria Apolloni, una giovane ragazza piena di talento e idee che è diventata di fatto la prima gift planner italiana. I tanti impegni, la mancanza di tempo e spesso la saturazione di idee ci portano ad affidare l’organizzazione di un evento speciale ad esperti del settore. Nascono così i cosiddetti planner, ovvero degli organizzatori che si occupano di gestire dalla A alla Z una cerimonia o un’occasione unica per riuscire a stupire e sorprendere. Manager di pubbliche relazioni nel settore dell’ufficio stampa ed eventi, Ilaria ha pensato di fare un passo in più e unire la sua passione per i regali trasformandola in una vera e propria professione diventando una planner un po’ particolare.

Il suo lavoro consiste nell’essere una consulente del regalo, sia per privati che per aziende. Come lei stessa spiega al Riformista, “mi occupo in toto della realizzazione, dell’idea, della messa in pratica, della confezione e della spedizione di ogni regalo”.  Ma com’è nata questa idea? “L’idea è nata nel 2013. Sono sempre stata amante dei regali, delle confezioni, delle sorprese e all’epoca acquistai solo il dominio del sito ilariaapolloni.com senza mai costruire l’immagine e sviluppare l’idea nel concreto. Troppo giovane e con poca esperienza, guardando indietro probabilmente non sarei riuscita da sola a curare ogni dettaglio come spero di farlo ora”. Ilaria, infatti, lavora come PR nel settore del Press Office ed Events dall’età di 21 anni. “Fin da sempre ho creduto in questa professione innovativa che trovo creativa ma soprattutto divertente – racconta la professionista – Supportata dal parere favorevole dei miei genitori e dei miei amici un giorno di quattro anni fa mi sono detta che potevo provarci. Anche perché nessuno avrebbe mai immaginato che sarebbe potuto diventare un mestiere a tutti gli effetti. Senza pretese, posso affermare di essere la prima gift planner italiana”. 

Sensibile, appassionata e determinata, il suo unico obiettivo è quello di aiutare le persone che vogliono realizzare un regalo. In questo senso, la gift planner diventa il tempo che manca, l’idea che non si è ancora palesata, il mezzo per realizzare qualcosa di sbalorditivo. In poche parole, un altro modo per dimostrare un sentimento. Che si tratti di un oggetto o di un’esperienza, lo scopo è quello di meravigliare e sorprendere il destinatario. “Stupire è la prima regola. Tante persone che si rivolgono a me spesso non hanno proprio idee. Altre invece hanno un’idea, un oggetto o un’esperienza che vogliono realizzare ma hanno bisogno di un aiuto. – spiega la gift planner – Io li guido e il più delle volte si divertono perché  finiscono per fare un regalo a loro, oltre che al destinatario”.

Viene spontaneo, a questo punto, credere che la parte più bella del lavoro sia non solo la riuscita del regalo per chi lo riceve, ma soprattutto nell’entusiasmo della realizzazione. La creatività è ciò che caratterizza il lavoro di Ilaria, così come l’attenzione e la minuziosità con cui ascolta chi si rivolge a lei, creando un rapporto più che confidenziale. “Quando entro in contatto direttamente con chi mi commissiona il regalo entro in confidenza con la persona, quasi come se diventassi un’amica. Mi faccio raccontare qualcosa in più sia su chi fa il regalo sia su chi lo deve ricevere”.  L’ispirazione per il regalo deriva così da una serie di fattori: “Nella mia testa si cominciano a unire i pensieri di ciò che ho visto nell’arco della mia giornata. Mi guardo sempre intorno e mi appunto qualunque idea. Tramite la mia curiosità riesco a focalizzarla sulla persona in questione e a trovare così l’ispirazione giusta per un regalo che spero sia il più perfetto possibile”.

Se ci sono però molte persone che adorano questa professione e si complimentano con Ilaria, altre sono ancora scettiche. Lei stessa ammette che non è un mestiere sottovalutato quanto poco conosciuto nella sua totalità: “Da quattro anni, da quando ho cominciato questa professione, sto cercando in tutti i modi di far conoscere questo nuovo modo di fare un regalo attraverso una figura apposita – spiega Ilaria-. Magari inizialmente non capiscono a pieno la mia intermediazione, credendo che in questo modo il regalo sia troppo impersonale. Ma quello che voglio far capire è che tramite me non se ne lavano le mani, piuttosto posso essere un aiuto concreto per realizzare quanto più possibile un regalo personalizzato e per dargli più valore”.  In proposito, un aspetto che Ilaria tiene spesso a sottolineare riguarda la consegna del regalo. Questa, infatti, avviene attraverso un corriere dedicato che si prende cura del pacco regalo ed effettua la spedizione in tutto il mondo. Ma il servizio a cui Ilaria tiene particolarmente riguarda la personalizzazione della consegna. “Penso all’emozione di un bambino nel vedere proprio personaggio famoso recapitargli il regalo tanto sognato o alla consegna del pacco regalo direttamente in una struttura come un hotel o una casa vacanze. La gioia dei miei clienti nel vedere la felicità di chi lo riceve è una delle parti più belle del mio lavoro”.

Tra tutte le idee regalo che una gift planner ha in serbo per i propri clienti, viene quasi naturale chiedersi se è mai capitato realizzare un regalo che in realtà avrebbe voluto fare lei personalmente a qualcuno. Come ci spiega Ilaria, “una gift planner va a caccia di idee ed esperienze così originali e speciali che spesso mi andrebbe di usarle per un regalo, ma alla fine capita che ho talmente tanta voglia di offrirle al cliente che le propongo, piacciono e le provano loro prima di me”. Abituata a pensare per gli altri e offrire idee regalo,  quale sarebbe invece il regalo più bello che una gift planner vorrebbe ricevere? “Se proprio dovessi spiegare quale regalo mi farebbe più piacere ricevere, sarebbe sicuramente un’esperienza particolare in un luogo magico dove troverei un regalo ad hoc realizzato per me. Quindi in un certo senso l’unione di entrambi i miei servizi. Qualcosa che sia una scoperta, totalmente a sorpresa. Il trucco è nello stupire”.