Secondo le prime indiscrezioni aveva 37 anni la vittima dell’incendio divampato nel ghetto abusivo di Borgo Mezzanone, nel Foggiano. L’uomo, a quanto si apprende di nazionalità senegalese, è morto carbonizzato e viveva da solo nella sua baracca. Era piuttosto conosciuto perché faceva le tipiche treccine dread. L’incendio è divampato all’alba. Sul posto è intervenuta la Polizia di Stato.

Le cause del rogo sarebbero accidentali e, non essendoci allaccio alla luce elettrica nella baracca, sarebbe stato causato da una candela, un mozzicone di sigaretta o dalla cucina. La baracca si trovava all’ingresso dell’insediamento, isolata dal resto delle baracche, motivo per cui le fiamme non si sono estese.

È la quarta vittima nell’insediamento nel foggiano in un anno e mezzo. A causare le vittime sempre degli incendi.

Redazione