Il Comitato Arcigay Antinoo Napoli, in occasione della Giornata mondiale di lotta all’AIDS, ha organizzato ed è impegnato, come ogni anno, in una serie di iniziative e di eventi sul territorio per diffondere una corretta informazione scientifica su HIV e IST (Infezioni Sessualmente Trasmissibili) e per rendere sempre più efficaci i meccanismi di prevenzione dalle IST e di contrasto alla sierofobia.

Nell’ambito del progetto “Streethaart,”finanziato coi fondi del Bando Community Award di Gilead 2018, con l’inaugurazione del prossimo 22 novembre, alle ore 18, prezzo Palazzo Venezia, a Napoli in via Benedetto Croce , sarà possibile visitare gratuitamente la mostra d’arte che prova a ripercorre la storia dell’HIV dalla nascita ai giorni nostri e che riporta alla cittadinanza il lavoro svolto in questi mesi nell’ambito della suddetta progettazione.

Lo scopo è informare la cittadinanza sulle nuove scoperte scientifiche e sui nuovi e vecchi mezzi di prevenzione. La mostra, che sarà poi resa itinerante, vuole, inoltre, combattere lo stigma verso le persone sieropositive attraverso la rappresentazione dei nuovi studi da cui si evince che i sieropositivi in cura, con virus non rilevabile (Undetectable) non possono trasmettere il virus. Il tema verrà trattato da artisti sierocoinvolti, in particolare ci saranno le opere realizzate dai detenuti della Casa Circondariale “Giuseppe Salvia” di Poggioreale, nella quale inoltre, in questi mesi, grazia al supporto direttrice, Maria Luisa Palma, e dell’amministrazione penitenziaria, è stato realizzata, nel padiglione Salerno, dopo un corso di formazione ai detenuti tenuto dai nostri esperti, un’opera murale sul tema dell’HIV e della prevenzione.

Questo murales a Poggioreale di fatto rappresenta la prima opera d’arte sull’HIV realizzata in una struttura detentiva italiana, nella più grande struttura detentiva, per numero di detenuti, dell’Europa occidentale. “Il murales è stato realizzato dai detenuti e creato a partire dai disegni realizzati in carcere – spiega Antonello Sannino, di Arcigay Antinoo Napoli – Racconta delle nuove profilassi e delle nuove terapie contro l’ HIV”.

Alla mostra di Palazzo Venezia saranno esposte anche le opere degli studenti e delle studentesse del Liceo Statale Giorgio de Chirico di Torre Annunziata che hanno trattato il tema dell’HIV, delle IST e hanno affrontato le paure e le fobie sulla tematica, esprimendosi durante le lezioni con i nostri formatori attraverso il linguaggio dell’arte, apprendendo contemporaneamente gli elementi di conoscenza necessari a una corretta prevenzione, destrutturando e liberando le paure dai pregiudizi attraverso proprio la rappresentazione artistica.

Sara possibile visitare la mostra fino al 26 novembre quando ci sarà l’evento conclusivo, sempre a Palazzo Venezia di Napoli, con la presentazione, nell’ambito della rassegna letteraria di Poetè e con il supporto di NPS Campania, del Libro “Febbre” di Jonathan Bazzi.