“Buongiorno, mi scusi per la pianta. L’ho colpita accidentalmente con un pallone da calcio. Ecco 5 euro per il danno”. È il biglietto scritto a penna da un bambino di 11 anni e pubblicato su Twitter dal professore Giovanni Grandi, docente di filosofia morale all’università di Trieste.

Un tweet diventato virale, collezionando migliaia di like e venendo poi condiviso anche sugli altri social network. “Ci ferma un vicino e ci mostra (felice) questo biglietto, che ha trovato accanto a una sua pianta acciaccata. Lo ha lasciato un amico di nostro figlio (11 anni), con firma e banconota. Il mio prossimo corso di Etica Pubblica in Università non potrà che partire da qui”, scrive Grandi commentando la vicenda.

“Ci è piaciuto molto ma non ci stupisce: conosciamo la famiglia del bambino e il tipo di attenzione verso gli altri e verso il bene comune che accompagnano questi ragazzi nella crescita. Scoprirli però già così autonomi nell’assumersi una responsabilità, nel mettere una firma sull’accaduto e nell’adoperarsi per una riparazione ci è sembrato qualcosa che a noi adulti troppo spesso riesce difficile, pur sapendo che sarebbe la cosa giusta da fare”, ha spiegato il professor Grandi al Corriere della Sera.